Fiera Milano in netto calo dopo rinvio ok bilancio 2014 su impairment

lunedì 16 marzo 2015 09:58
 

MILANO, 16 marzo (Reuters) - Avvio di seduta in netto calo per Fiera Milano.

Venerdì, in tarda serata, confermando le anticipazioni di MF, Fiera Milano ha comunicato il rinvio al 20 marzo prossimo dell'approvazione del bilancio dell'anno scorso.

Dopo circa un'ora di contrattazioni il titolo della società fieristica cede il 6,3%, a 6,25 euro, dopo aver segnato un minimo di 5,96 euro.

Il rinvio, si legge in una nota, "è dovuto alla necessità di consentire che vengano compiuti i necessari approfondimenti in merito alle risultanze dei test di impairment". Secondo il revisore Reconta Ernst & Young, "gli esiti contenuti nel progetto di bilancio di esercizio esaminato, infatti, allo stato comporterebbero svalutazioni considerevoli prevalentemente riferite al valore della partecipazione nella controllata Fiera Milano Media, che incorpora il valore di rami d'azienda relativi a testate e a prodotti editoriali e di comunicazione acquisiti nel corso del 2008. L'entità ipotizzata della rettifica di valore della partecipazione porterebbe Fiera Milano a trovarsi nella situazione prevista dall'articolo 2446 del codice civile", ovvero con un capitale sociale ridotto di oltre un terzo a causa delle perdite.

Secondo quanto riferito da diversi organi di stampa, la controllata verrebbe svalutata di circa dieci milioni rispetto a un valore di carico di 29 milioni.

Il Corriere della Sera di sabato scorso legava il nodo bilancio alla partita delle nomine, dato che ad aprile scadono i mandati di Michele Perini ed Enrico Pazzali, rispettivamente presidente e amministratore delegato.

Per leggere il comunicato integrale, i clienti Reuters possono cliccare su

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia