28 gennaio 2015 / 15:03 / tra 3 anni

PUNTO 3-Fca,conti meglio di attese,Emea torna positiva,ma titolo contrastato

(Aggiunge dichiarazioni Marchionne e Palmer da conference call)

MILANO, 28 gennaio (Reuters) - Fiat Chrysler (Fca) chiude anno e trimestre con risultati migliori delle attese e delle previsioni di budget, centrando però gli obiettivi in termini di Ebit nella parte bassa del range atteso, con il titolo contrastato e alcuni analisti cauti sulle attuali valutazioni.

Su Ferrari l‘AD Sergio Marchionne, nella conference call con gli analisti, conferma i tempi per il collocamento del 10% e scorporo nel 2015, accennando alla possibilità di uno slittamento, ma solo per ragioni regolatorie.

“Puntiamo a chiudere tutto entro il 2015, se non ce la facciamo sarà per ragioni regolatorie”.

Dopo anni di razionalizzazione, grazie alla produzione del Renegade a marchio Jeep e alla rinascita di Maserati, l‘area Emea chiude in utile il trimestre, per la prima volta dal 2007, con Ebit a 32 milioni, da una perdita di 214 milioni nel 2013.

Fca prevede un anno positivo nonostante un mercato (Eu28+Efta) che cresce di solo l‘1,5%.

“La strategia di produrre veicoli del segmento premium per le esportazioni comincia a pagare” ha detto l‘AD in una lettera ai dipendenti. Ricorda poi le prossime assunzioni allo stabilimento di Melfi dove si realizzano il Renegade e la 500x.

L‘Ebit dell‘area Nafta è calato a 617 da 621 milioni, Latam ha segnato 113 milioni da una perdita di 28 milioni, Apac un aumento a 127 da 51 milioni.

EBIT ESCLUSE COMPONENTI ATIPICHE A 3,6 MLD

Secondo la nota diffusa dalla società, Fca ha chiuso l‘anno con Ebit a 3,2 miliardi, pari a 3,6 miliardi se si escludono le componenti atipiche, ricavi a 96,090 miliardi e debito netto industriale a 7,654 miliardi.

Nell‘ultimo trimestre del 2014 l‘Ebit si attesta a 1,066 miliardi, i ricavi a 27,084 miliardi.

Per quest‘anno il gruppo prevede Ebit, escluse le componenti atipiche, a 4,1-4,5 miliardi, ricavi a 108 miliardi e debito netto industriale a 7,5-8 miliardi.

SU TARGET 2015 IPOTESI EURO/DOLLARO A 1,2

Fca nel fissare i target 2015 ipotizza una quotazione del dollaro contro euro a 1,20 e una riduzione dei costi da interesse solo dal 2016, ha detto il direttore finanziario Richard Palmer nella conference call con gli analisti.

Morgan Stanley, dopo i risultati che giudica leggermente sopra le attese, indica “overweight” e un target a 52 settimane a 12,09 euro, ma si dice cauta sul settore auto.

La banca ritiene ci siano temi specifici che possono rivalutare il titolo, legati ai marchi Ferrari, Maserati e Jeep.

George Galliers di Evercore Isi, che ha giudizio “sell” con un obiettivo a 7,5 euro, parla di elementi deludenti: i margini più deboli delle attese per l‘area Nafta e per Maserati.

Nella call con gli analisti Marchionne e Palmer hanno spiegato la debolezza Nafta con “questioni industriali” che saranno risolte nel 2015, anno di miglioramento sul fronte dei margini e quello Maserati con il mix di vendite.

(Stefano Rebaudo)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below