Ubi Banca, accordo su ridefinizione rete, onere 110 mln in trim4

mercoledì 26 novembre 2014 18:24
 

MILANO, 26 novembre (Reuters) - Ubi Banca ha raggiunto un accordo con le organizzazioni sindacali in merito agli interventi di riorganizzazione della rete distributiva annunciati a ottobre che porteranno nel quarto trimestre un onere una tantum di circa 110 milioni lordi e risparmi a regime per 50 milioni annui, in buona parte già dal 2015.

L'accordo - ricorda una nota - contiene una serie di previsioni che contemplano, tra le altre cose, un piano di esodo anticipato per almeno 500 unità nei primi mesi del 2015 con accesso su base volontaria al trattamento pensionistico o al fondo nazionale di sostegno al reddito.

Il gruppo procederà nel biennio 2015-16 all'inserimento di 150 nuove risorse e alla stabilizzazione di 130 rapporti di lavoro temporaneo già in essere.

Il piano di ridefinizione del modello distributivo prevede la chiusura di 114 punti operativi (55 filiali e 59 mini sportelli) e la riqualificazione di 54 filiali a mini sportello e di 2 mini sportelli a filiali.

Gli abbonati Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia