PUNTO 1-Rcs, riduce perdita 9 mesi, debito 2014 visto sotto 500 mln

giovedì 13 novembre 2014 18:32
 

(Riscrive parzialmente con nuovi dettagli)

MILANO, 13 novembre (Reuters) - Rcs chiude i nove mesi con una forte riduzione della perdita netta grazie alle forti efficienze, su ricavi stabili (a perimetro omogeneo) che beneficiano, tra l'altro, della ripresa della pubblicità in Spagna.

Confermati i target di fine anno, se non per il debito che - come già preannunciato con la semestrale - sarà più alto del 2013 a causa dello slittamento dei tempi sulle cessioni, ma comunque inferiore ai 500 milioni.

La perdita scende nei nove mesi a 93,1 milioni dai 175,3 milioni di un anno prima.

L'Ebitda pre oneri e proventi non ricorrenti è positivo per 13,7 milioni da un rosso di 21 milioni, mentre il dato dopo le poste straordinarie è negativo per 16,3 milioni da -121,3. Nel terzo trimestre l'Ebitda dopo le poste extra riconquista il segno più a 12,9 milioni da -16,5 milioni.

I ricavi consolidati sono in contrazione a 921,5 milioni da 964,9 milioni. A parità di perimentro, spiega una nota, risultano però in linea con il 2013 e lo stesso vale per il terzo trimestre. In Italia i ricavi del settore media scendono del 6,3% a 384,3 milioni (-6,9% la raccolta pubblicitaria), in Spagna passano a 257,1 milioni da 273,4, ma la pubblicità segna +1,2% nei nove mesi e +18% nel terzo trimestre.

Stabili, a perimetro omgeneo, i ricavi dell'area libri, che vede un Ebitda di nuovo positivo per 1,3 milioni.

L'indebitamento finanziario netto è pari a 515,3 milioni al 30 settembre da 474,3 milioni a fine 2013.

Per fine anno Rcs conferma la previsione di ricavi sostanzialmente stabili rispetto al 2013, a perimetro omogeneo, e ribadisce l'obiettivo di triplicare l'Ebitda ante oneri non ricorrenti rispetto al 2013. Le efficienze attese sono, come anticipato a luglio, di circa 70 milioni.   Continua...