Banca Etruria, in forte calo dopo conti, avvio ispezione ordinaria Bankitalia

mercoledì 12 novembre 2014 17:17
 

MILANO, 12 novembre (Reuters) - Banca Etruria è in forte ribasso a Piazza Affari toccando i minimi storici intraday all'indomani dei risultati trimestrali e dell'annuncio dell'avvio di una ispezione generale ordinaria da parte della Banca d'Italia, mentre non ci sono novita sul fronte dell'M&A.

Alle 17,00 circa il titolo dell'istituto aretino è in calo del 5,9% a 0,4718 euro ai minimi da metà dicembre del 2013, e doo avere toccato in mattinata il minimo storico intraday di 0,453 euro. In una giornata di vendite per tutto il comparto italiano, Etruria fra i peggiori dell'indice FTSE Italia All-Share Banks, in calo del 4,5% circa.

I volumi sono particolarmente intensi, quasi 2,9 milioni di pezzi trattati contro una media giornaliera di 880.000 circa.

Banca Etruria ha chiuso i primi nove mesi del 2014 con una perdita di 126,1 milioni di euro da un utile di 3,6 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso.

Sul risultatto pesano in particolare le rettifiche per deterioramento crediti e attività finanziarie per 217,6 milioni rispetto ai 149 milioni del 2013, risultato delle più rigorose politiche di accantonamenti per i rischi legati al deterioramento della qualità del credito.

La copertura sul totale del credito deteriorato raggiunge il 43,2% mentre quella sulle sofferenze si attesta al 53,1%.

I coefficienti patrimoniali, calcolati con le regole Basilea 3 evidenziano un CET 1 del 5,9%.

Nel comunicato diffuso ieri sera la banca aretina ha fatto sapere che "il presidente ed il direttore generale hanno comunicato al consiglio di amministrazione l'avvio in data odierna di un'ispezione generale ordinaria da parte della Banca d'Italia".

Sul fronte dell'aggregazione - processo avviato su indicazioni della Vigilanza al termine di una ispezione che si è chiusa a sttembre dello scorso anno - il comunicato si è limitato a spiegare che "proseguono le attività dell'advisor Mediobanca finalizzate a strutturare un processo di aggregazione con un primario partner bancario".   Continua...