Hera, netto adj 9 mesi +27% grazie a mercato elettrico, idrico, ricavi -8,7%

mercoledì 12 novembre 2014 14:27
 

MILANO, 12 novembre (Reuters) - Hera ha chiuso i primi nove mesi con un'ebitda pari a 632,7 milioni, in salita dell'8,9% e con un risultato operativo di 312,9 milioni, in salita dell'11,1%, mentre l'utile netto adjusted balza del 27,3% a 124,8 milioni.

Ne dà notizia un comunicato che sottolinea come il rendiconto includa il contributo di AcegasAps, aggregata all'interno del Gruppo Hera a decorrere dal primo gennaio 2013, e di Amga Udine dal 1 luglio scorso.

I ricavi scendono dell'8,7% a 2.995,8 milioni a causa degli effetti climatici sfavorevoli dei primi quattri mesi dell'anno.

L'utility di Bologna segnala che il buon andamento del mercato liberalizzato elettrico, grazie all'espansione della presenza commerciale e al consolidamento sul segmento dei clienti in salvaguardia, hanno più che compensato l'effetto del calo dei volumi venduti per la situazione congiunturale.

La nota evidenzia anche il "buon contributo alla crescita dell'idrico, grazie al recupero di efficienza e al progressivo allineamento delle tariffe alla piena copertura dei costi".

Per il comunicato integrale della società cliccare su

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia