PUNTO 2-A2A valuta termoelettrico E.On Italia e dialoga con Linea Group in Lombardia

giovedì 6 novembre 2014 17:40
 

* Valotti:"No preclusione ad alleanze anche con Acsm-Agam, Gelsia"

* Camerano: "In gara per Idro Terni e clienti E.On in Italia"

* Utile nove mesi stabile a 159 mln, mol - 6,7% a 783 mln (Riscrive, aggiunge dichiarazioni, dettagli)

di Giancarlo Navach

MILANO, 6 novembre (Reuters) - Riparte il risiko delle utility, almeno limitamente alla Lombardia in attesa di capire quali saranno gli incentivi previsti dalla legge di stabilità: A2A apre all'ipotesi di un'aggregrazione con Linea Group, la multiutility di Cremona, Lodi, Pavia, Crema e Rovato, non escludendo anche di includere la più piccola Acsm-Agam e altre realtà minori. Sul fronte degli asset, invece, la superutility lombarda conferma l'interesse per rilevare il nucleo idrico di Terni e la base clienti di E.On Italia, che la casa madre tedesca E.On intende dismettere. Ma la novità odierna - emersa nel corso della call con i vertici dell'azienda sui risultati dei nove mesi - riguarda l'apertura a valutare anche gli asset termoelettrici, ovvero le centrali che oggi stanno andando al minimo a seguito del calo dei consumi e del boom delle rinnovabili. Al momento solo Edison, secondo alcune fonti, avrebbe avanzato un interesse per tutta E.On Italia, quindi anche per le centrali a ciclo combinato, e starebbe trattando direttamente con i tedeschi. E' molto probabile che il venditore punti a cedere più pacchetti di asset legati fra di loro, comprese alcune centrali termoelettriche. Di qui l'apertura della utility lombarda. In vendita ci sono circa 6 gigawatt di generazione e circa 900.000 clienti elettricità e gas. La scadenza per le offerte vincolanti è stata estesa al 24 novembre. Quanto ai conti, la società ha registrato nei nove mesi un utile netto di gruppo a 159 milioni di euro, invariato rispetto allo stesso periodo 2013, su ricavi in contrazione dell'11% a 3,632 miliardi, mentre il mol si attesta a 783 milioni in discesa del 6,7%. Risultati di poco sopra le stime degli analisti e per questa ragione il titolo, a Piazza Affari, ha guadagnato l'1,41% a 0,79 euro. Il calo del prezzo dell'energia elettrica e il calo della domanda sono stati compensati dalle abbondanti piogge, quindi dagli asset idrici, e dall'efficienza operativa. Il debito scende a 3,466 miliardi. Tornando al consolidamento nel settore, il presidente, Giovanni Valotti, ha detto che "alcuni giorni fa a Brescia si è svolta una riunione con alcuni dei sindaci dei comuni azionisti di Lgh in cui sostanzialmente ci si è informalmente confrontati su possibili sviluppi di A2A e di Linea Group". Poi ha aggiunto: "Da parte di entrambi c'è un'apertura a sviluppare percorsi. Come A2A abbiamo un disegno che favorisca le aggregazioni su basi territoriali abbastanza innovativo, capace di coniugare la creazione di valore industriale, ovvero prezzi competitivi, sinergie ed economie di scala, con una adeguata rappresentatività dei territori". Uno dei timori, infatti, quando ci sono aggregazioni di questo tipo è "che il grande mangi il piccolo. Stiamo attivando vari contatti con altre aziende, non solo con Lgh, che massimizzino l'utilità di essere in un grande gruppo, ma con la possibilità di non perdere una certa sovranità relativamente agli investimenti nei territori", ha aggiunto Valotti. Quanto all'ipotesi che A2A possa procedere a un'aggregrazione anche a tre, Valotti ha detto: "Stiamo ragionando a spettro molto ampio, non abbiamo preclusione verso l'apertura inzialmente su scala regionale e in Lombardia ci sono: A2A, Acsm Agam, Linea Group e il mondo Gelsia e Seregno. Non c'è un tavolo operativo a oggi e non abbiamo preclusioni a sviluppare progetti su base più ampia". Infine, la gara per gli asset di E.On Italia, l'Ad, Valerio Camerano, ha sottolineato che A2A "sta partecipando alla gara con accesso anche alla data room. Abbiamo dichiarato interesse per il nucleo idro di Terni e per il portafoglio clienti della società". Inoltre, ha proseguito, "valuteremo credo con un interesse industriale ciò che accade sugli asset termoelettrici di E.On. Abbiamo richiesto approfondimenti che sono in corso e siamo interessati a valutare l'esito di questa gara per quanto riguarda il termoelettrico".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia