PUNTO 1-Generali promette aumento cedola, operativo 9 mesi +12,8% a 3,7 mld

giovedì 6 novembre 2014 09:36
 

(aggiunge dichiarazioni Cfo Minali, commenti analisti, andamento titolo, background)

di Gianluca Semeraro

MILANO, 6 novembre (Reuters) - Generali si prepara ad aumentare il dividendo sul 2014 dopo aver chiuso il terzo trimestre con un risultato operativo in crescita e un Solvency ratio saldamente sopra quota 160%.

"Con questa situazione patrimoniale ci sentiamo nella posizione di rimuovere il vincolo del 40% di payout e quindi prevediamo di poter pagare una cedola più alta", ha detto il Cfo Alberto Minali in un briefing telefonico sui conti.

La promessa di aumentare la cedola, che sul 2013 era stata pari a 0,45 euro per azione, è un biglietto da visita importante in vista dell'Investor day a Londra del 19 novembre in cui si tireranno le somme a quasi due anni dalla presentazione del piano firmato dal Ceo Mario Greco, che ha focalizzato la compagnia sul core business, rafforzandone la struttura patrimoniale, senza aumenti di capitale, e tagliando progressivamente i legami con il cosiddetto capitalismo di relazione che aveva portato una serie di partecipazioni non coerenti con il settore assicurativo.

A questo proposito, Minali ha spiegato che per la scissione di Telco, la holding prima azionista di Telecom Italia , occorre attendere l'ok delle authority di Argentina e Brasile, previsto nel mese di febbraio. La liberazione della quota, pari a circa il 4% diretto, consentirà alla compagnia di tener fede all'intento, più volte dichiarato, di cederla.

Il titolo in borsa non mostra reazioni particolari e, intorno alle 9,15, cede lo 0,24% contro uno stoxx europeo di settore che perde lo 0,75%. "Risultati complessivamente migliori delle attese di consensus", commenta Luca Comi di Icbpi nel daily odierno. Matteo Ghilotti di Equita parla di "ottimo trimestre grazie al Vita" e di un combined ratio "peggio delle attese".

Nel briefing sui conti, Greco ha annunciato la nomina di Valter Trevisani come group head of insurance and reinsurance che di fatto assume le responsabilità del Cio Sergio Balbinot che dall'1 gennaio approderà ad Allianz.

Non c'è ancora invece il sostituto in consiglio di Paolo Scaroni, che il mese scorso ha comunicato le dimissioni dopo l'autosospensione a seguito della sentenza di condanna in primo grado nell'ambito del processo per la centrale elettrica Enel di Porto Tolle. "Non era all'ordine del giorno del Cda di ieri, quando saremo pronti per fare una nomina la comunicheremo", ha detto Greco.   Continua...