Beni Stabili, sem1 in rosso per oneri finanziari, sale utile ricorrente

martedì 22 luglio 2014 14:52
 

MILANO, 22 luglio (Reuters) - Beni Stabili chiude il primo semestre con una perdita netta di 66,7 milioni di euro dall'utile di 3,9 milioni di un anno prima a causa degli oneri finanziari.

Senza gli appostamenti contabili relativi ai prestiti obbligazionari convertibili equity-linked e prima degli effetti del rimborso anticipato di debiti e relativi strumenti di copertura, sottolinea una nota, il risultato netto sarebbe stato positivo per 11,5 milioni da 12,3.

Il risultato netto ricorrente Epra è cresciuto invece a 42 da 35,9 milioni.

I ricavi netti da locazione sono pari a 99,2 milioni (da 96,6), quelli da servizi a 5,1 milioni da 4,4.

Il valore di mercato del portafoglio immobiliare della società, basato sulle stime al 30 giugno di CB Richard Ellis e di REAG, è pari a 4.088,1 milioni, in calo dello 0,2% a perimetro costante rispetto a fine 2013.

La posizione finanziaria netta è negativa per 2.208,9 milioni (-2.163,9 milioni a fine 2013). Il Loan to Value risulta pari al 50,9% rispetto al 49,9% dello scorso dicembre.

La nota ricorda che a fine giugno il Cda ha approvato un piano di potenziamento della struttura finanziaria che prevede un aumento di capitale da 150 milioni e il rifinanziamento del debito relativo agli immobili Telecom per 500 milioni, con una riduzione prevista degli oneri finanziari monetari ricorrenti di circa 30 milioni su base annua e con una contrazione del costo medio del debito consolidato a medio-lungo termine al 3,5% circa dal 4,27%.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su   Continua...