Generali, netto trim1 a 660 mln (+9,4%), Solvency I fine aprile al 160%

giovedì 15 maggio 2014 07:53
 

MILANO, 15 maggio (Reuters) - Generali ha chiuso il primo trimestre con un utile netto di 660 milioni in crescita del 9,4% rispetto a un anno prima e un utile operativo che raggiunge i livelli pre-crisi a 1,296 miliardi (+0,5%).

Il Solvency I è migliorato di 11 punti percentuali attestandosi a fine marzo al 152%, con un'eccedenza pari 9,3 miliardi, per poi compiere un ulteriore progresso a circa il 160% a fine aprile. Si tratta del miglior risultato dal 2005, spiega una nota.

Il patrimonio netto si attesta a 21,7 miliardi (+9,9%). Il gruppo ha rifinanziato tutte le scadenze fino alle prossime call date del 2016. Entro il 2015 è attesa la riduzione netta del debito di 1 miliardo.

La raccolta premi è cresciuta dell'1,5% a oltre 8 miliardi grazie al comparto Vita che ha registrato un incremento del 2,4% a 12 miliardi. Stabili invece i Danni a 6,4 miliardi con un combined ratio che scende al 92,7% (-0,8 punti percentuali) nonostante un impatto di 0,6 punti da eventi catastrofali.

Il Cfo Alberto Minali nella nota esprime fiducia nel raggiungimento anticipato dei target del piano su dismissioni e Solvency I.

Il consigliere Paolo Scaroni ha deciso di autosospendersi dal Cda in relazione alla sentenza di primo grado del tribunale di Rovigo per violazioni ambientali alla centrale di Porto Tolle. Il consiglio ha preso atto della dichiarazione di Scaroni, la cui sospensione permarrà fino a una prossima assemblea che sarà convocata sul tema ai sensi di legge, e lo ha ringraziato "per la trasparenza e la disponibilità dimostrate".

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia