Tod's, Ebitda trim1 in calo, ricavi stabili

mercoledì 14 maggio 2014 18:01
 

MILANO, 14 maggio (Reuters) - Tod's chiude il primo trimestre con un Ebitda di 56,8 milioni di euro da 63,6 milioni dello stesso periodo 2013.

Il fatturato consolidato ammonta a 253,8 milioni, in lieve aumento dello 0,1%. A cambi costanti i ricavi salirebbero a 259 milioni, con un incremento del 2,2%, si legge in una nota.

Anche in questo trimestre i risultati di vendita del gruppo sono stati influenzati dalla decisione strategica di razionalizzare la distribuzione indipendente, soprattutto sul mercato domestico, al fine di "preservare l'esclusività e il posizionamento dei marchi e proteggere l'ottima qualità del portafoglio crediti", sottolinea il comunicato. "Tale razionalizzazione ha interessato tutti i marchi, ma è stata particolarmente visibile sulle vendite di Hogan e Fay, che sono quelli con la maggiore esposizione al mercato italiano ed al canale wholesale".

Per quanto riguarda l'Ebitda, la nota evidenzia che nel confronto con lo stesso periodo del 2013 si deve considerare la diversa tempistica delle spese di marketing, che quest'anno sono state più concentrate nel primo trimestre, rispetto alla più omogenea distribuzione dello scorso esercizio.

La posizione finanziaria netta al 31 marzo 2014 è positiva e pari a 144,8 milioni, con un incremento di circa 13 milioni rispetto al dato di fine marzo 2013.

A livello geografico i ricavi in Italia ammontano a 88,9 milioni (-10,1%) mentre cresce a doppia cifra il resto d'Europa (56,1 milioni, +11,8% a cambi costanti).

Il mercato Usa è stato condizionato dalle pessime condizioni climatiche sulla costa orientale durante i primi mesi dell'anno, con ricavi complessivi nelle Americhe a 18,9 milioni (+1,4% a cambi costanti, -2,9% a cambi correnti).

Il mercato cinese conferma il rallentamento evidenziato nella scorso esercizio, determinato dalla generalizzata e significativa diminuzione di consumi di beni di lusso da parte della clientela locale. I ricavi della Greater China ammontano a 56,1 milioni (+1,5% a cambi costanti, -2% a cambi correnti).

"I risultati del trimestre sono in linea con le nostre attese e riflettono la forte volatilità delle vendite e la debolezza di alcuni importanti mercati per i beni di lusso, come quello cinese", commenta nella nota il presidente e AD Diego Della Valle.   Continua...