PUNTO 1-Mondadori, AD spera in ritorno a breakeven gia' in 2014

mercoledì 30 aprile 2014 13:22
 

MILANO, 30 aprile (Reuters) - L'AD di Mondadori Ernesto Mauri spera di riportare a breakeven il gruppo già quest'anno dopo la perdita di 185,4 milioni archiviata nel 2013.

Lo ha detto nel corso dell'assemblea degli azionisti.

"Spero di raggiungere il breakeven già nel 2014; nel 2016 spero di avere un risultato molto positivo e tornare alla redditività degli anni ante-crisi", ha dichiarato, ribadendo i target di Ebitda annunciati a marzo con il piano 2014-2016. Mauri ha quindi escluso nuove svalutazioni, dopo le pesanti rettifiche di valore su Francia e radio che negli ultimi due anni hanno affossato i bilanci del gruppo.

"Credo che gli attuali valori di bilancio siano adeguati e in linea con i valori di mercato", ha dichiarato al termine dell'assemblea.

Intanto, ha ricordato, è stato raggiunto il 90% del target di risparmi da 100 milioni di euro indicato per fine 2015.

Non sono previste cessioni significative, mentre il rinnovo delle deleghe per aumentare il capitale ed emettere bond convertibili "è funzionale a eventuali opportunità" che si presentassero soprattutto nel digitale. "Sono strumenti che servono a darci più flessibilità", ha detto il manager.

Sulla stessa linea il presidente Marina Berlusconi che ha anche escluso ingressi di nuovi soci. "Stiamo portando avanti il piano di ristrutturazione in piena autonomia, le deleghe sull'aumento di capitale sono una forma di flessibilità che abbiamo deciso di tenerci a fronte di eventuali opportunità".

Sulla radio il focus ora è sul rilancio di R101, in futuro "vedremo", ha risposto infine Mauri su un possibile interesse per le radio di Rcs.

Sui dati di raccolta pubblicitaria, il primo trimestre - ha detto l'AD - si chiude con un calo intorno al 5 pct, con un +23 pct del digitale e la radio "positiva"; in contrazione del 7 pct la raccolta dei periodici.

Claudia Cristoferi

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia