Eni, utile netto adj trim1 scende 1,19 mld, pesano calo E&P e rosso R&M

martedì 29 aprile 2014 08:10
 

MILANO, 29 aprile (Reuters) - Eni ha chiuso il primo trimestre del 2014 con un utile netto adjusted (senza le componenti straordinarie) di 1,19 miliardi di euro, in contrazione del 14,3% rispetto allo stesso periodo 2013, mentre l'ebit adj si contrae del 6,8% a 3,49 miliardi, secondo un conunicato.

Hanno pesato sui conti le divisioni Exploration & Production (-13,7%), a causa della flessione del prezzo del petrolio (-3,9% per il riferimento Brent) e dell'apprezzamento dell'euro rispetto al dollaro (+3,7%), e Refining & Marketing (-66,4%) penalizzata dal continuo deterioramento dello scenario di raffinazione e della domanda di carburanti.

Nel trimestre la produzione di idrocarburi si attesta a 1,583 milioni di barili/giorno, in aumento dello 0,6% su base omogenea e beneficia dell'entrata a regime dei giacimenti nel Regno Unito e Algeria che hanno più che compensato le riduzioni dovute al perdurare delle condizioni di instabilità politica in Libia e i declini delle produzioni mature.

Sempre debole il Gas and Power con le vendite di gas scese dell'11,3%, che chiude però il trimestre con un Ebit positivo, in un quadro, spiega la società, di perdurante debolezza della domanda, di pressione competitiva ed di eccesso di offerta ai quali si è aggiunto l'effetto climatico.

Per l'anno in corso Eni vede la produzione di idrocarburi sostanzialmente in linea rispetto al 2013, al netto dell'effetto della cessione dell'interest Eni nella jv Artic Russia, e vendite gas in leggera flessione anche a causa del clima mite registrato nel trimestre.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia