Atlantia, utile cala a 638 milioni, traffico Italia -1,6% su anno

venerdì 7 marzo 2014 16:12
 

ROMA, 7 marzo (Reuters) - Atlantia ha chiuso il 2013 con un utile in calo a 638 milioni rispetto al 2012, con il traffico sulla rete italiana in flessione dell'1,6%, compensato dalla crescita di quello sulla rete estera, +5,9%.

L'Ebitda 2013 è stato pari a 2,582 miliardi euro, +7,7% in ragione d'anno e +4% a cambi perimetro costanti.

Nel 2013 il gruppo, che da dicembre ha ampliato il perimetro di consolidamento dopo la fusione di Gemina in Atlantia, ha fatto investimenti per complessivi 1,247 miliardi.

Il debito del gruppo è salito di 660 milioni a 10,769 miliardi (calerebbe di 99 escludendo l'apporto di debito delle società ex Gemina).

Agli azionisti è stato proposto un dividendo di 0,746 euro per azione, come nel 2012, di cui era stato già dato un acconto di 0,355 euro. Complessivamente i dividendi aumentano da 484 milioni di euro a 606 milioni di euro per effetto delle nuove azioni emesse a concambio della fusione per incorporazione di Gemina, spiega la nota.

Per l'anno in corso Atlantia dice che "pur in presenza di un quadro macroeconomico italiano con problemi strutturali non ancora risolti, l'andamento del traffico (autostradale ed aeroportuale) nei primi 2 mesi dell'anno mostra segnali di stabilizzazione in Italia", mentre per le concessionarie estere si prevede che i risultati operativi beneficieranno di migliori previsioni di traffico.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato cliccando su

  Continua...