PUNTO 1-Azimut, utile netto scende a 155,7 mln, alza dividendo a 0,7 euro

giovedì 6 marzo 2014 16:03
 

(Aggiunge dettagli da presentazione)

MILANO, 6 marzo (Reuters) - Azimut ha archiviato lo scorso esercizio con un utile netto in leggera flessione a 155,7 milioni da 160,7 milioni del 2012, un risultato che risente dell'impatto dell'addizionale Ires dell'8,5% sugli utili degli intermediari finanziari italiani del gruppo, ma che è superiore ai consensus.

Il gruppo indipendente di asset management ha confermato l'obiettivo di masse pari a 27 miliardi entro fine 2014 - attualmente sono di 25,2 miliardi - e rivisto al rialzo il dividendo a 0,7 da 0,55 euro, pari ad un payout del 60% (dal 33% del 2012). Alla componente ordinaria, pari a 0,10 euro, si somma un dividendo aggiuntivo per 0,60 euro, con data stacco cedola 19 maggio 2014.

"Il dividendo ordinario in futuro verrà mantenuto sui livelli attuali; eventuali dividendi straordinari verranno aumentati in assenza di opportunità di M&A", si legge nella presentazione sui risultati 2013.

La posizione finanziaria netta consolidata a fine dicembre risulta positiva per 363,5 milioni dai 245,5 milioni di fine giugno 2013.

"L'utilizzo della liquidità verrà valutato con attenzione nel 2014", segnala Azimut nella presentazione.

Sul fronte dell'espansione internazionale il gruppo ha detto che sta valutando opportunità in America Latina e resta aperto a potenziali partnership in altri mercati attraenti.

Tornando ai risultati di bilancio, i ricavi consolidati si sono attestati a 472,1 milioni, in aumento rispetto ai 433,6 milioni del 2012, un numero superiore alle stime SmartEstimates elaborate con il contributo di otto analisti (455,2 milioni).

In aumento le commissioni ricorrenti, salite nel periodo a 321,6 da 282 milioni circa e in lieve calo quelle variabili a 107,2 da circa 120 milioni.   Continua...