Italia, Coop vede flessione consumi anche in 2014

giovedì 5 settembre 2013 12:55
 

MILANO, 5 settembre (Reuters) - Le Coop vedono una flessione dei consumi nel 2013 dell'1,2% nell'area food e del 7,5% nel non food e anche per il 2014 il segno sarà negativo rispettivamente per lo 0,5% e il 6,1%.

Nel 2012 la flessione dei consumi era stata pari al 3,2% nel food e al 6,3% nel non food.

E' quanto emerge dal Rapporto Coop 2013 presentato oggi a Milano dal vice presidente Ancc-Coop Enrico Migliavacca e dal presidente di Coop Italia Marco Pedroni.

"Purtroppo anche questo rapporto presenta una situazione difficile del paese. Il 2012 è stato un anno pessimo ma il 2013 non si differenzia molto", ha spiegato Migliavacca.

"Gli alimentari storicamente hanno rappresentato il riequilibrio dei consumi italiani ma quest'anno non è stato così", ha aggiunto.

Senza un'azione del governo a sostegno della domanda interna e un forte impegno degli operatori economici più importanti, a partire dalle banche, chiamati a sostenere le famiglie non ci sarà una ripresa significativa del paese, si legge nel comunicato che sintetizza il rapporto.

Aumentare l'Iva come realizzare qualsiasi non selettivo altro provvedimento fiscale - prosegue - sarebbe un errore molto grave. D'altro canto è indispensabile che industria e distribuzione lavorino insieme per sostenere la ripresa.

Per ciò che riguarda il mondo delle Coop nei primi otto mesi del 2013 le vendite sono calate dello 0,5%, peggio del mercato che ha visto un decremento dello 0,1%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia