Prysmian continua a correre dopo conti sem1, broker positivi

venerdì 2 agosto 2013 13:47
 

MILANO, 2 agosto (Reuters) - Non si arresta la corsa di Prysmian, cominciata ieri dopo la pubblicazione dei risultati del primo semestre.

Balzato del 7% ieri, il titolo del produttore di cavi si conferma tra i migliori del paniere principale di Piazza Affari: attorno alle 13,40, infatti, guadagna il 2,02%,a 16,68 euro, dopo aver segnato un massimo di 17,05 euro. Straordinari i volumi, anche in considerazione del periodo estivo e degli scambi complessivi: sono passati di mano oltre 1,64 milioni di pezzi, contro una media dell'intera seduta di 1,009 milioni negli ultimi trenta giorni.

Complessivamente positivi i commenti dei broker sui conti della prima parte dell'anno.

Ubs, che ha rating buy e target price di 19,50 euro, sottolinea che i margini hanno superato le stime e la solidità del portafoglio ordini.

Citi (buy, 19,50 euro) dice che la conferma della guidance sull'Ebitda a fine anno non rappresenta una grande sorpresa e afferma che per migliorare ulteriormente l'attività il gruppo dovrebbe incassare ordini di grandi dimensioni da Germania e Usa.

Goldman Sachs conferma Prysmian nella Conviction List (buy), ma riduce il target price a 22,6 da 23 euro. Secondo il broker, l'accelerazione delle sinergie dell'integrazione di Draka nella seconda parte dell'anno dovrebbe consentire al gruppo guidato da Valerio Battista di centrare la parte alta della guidance sull'Ebitda annuale; anzi, Goldman stima un Ebitda di 652 milioni, oltre il massimo della forchetta.

Exane Bnp Paribas (outperform, 18 euro) dice che l'outlook sul secondo semestre conferma l'attrattività di Prysmian nel medio termine.

Intermonte (neutral) formula il giudizio meno positivo, parlando di risultati deboli, come da attese, ma alza il target price a 16,5 da 15 euro. Il broker italiano, facendo leva sulle parole pronunciate dal management durante la conference call, sostiene che l'azienda si attende un Ebitda 2013 attorno a 625 milioni. Intermonte ritiene che il mercato stia già scontando la ripresa dell'attività nel 2014 e accenna a potenziali acquisizioni nei segmenti dei cavi sottomarini e delle trasmissioni per ridurre la dipendenza dai settori ciclici, aggiungendo, però, che Prysmian rischia di pagare a caro prezzo i potenziali target.

Kepler, infine, conferma rating (buy) e target price (17,80 euro) e indica come ragionevole il raggiungimento di un Ebitda 2013 in area 625 milioni.   Continua...