Luxottica, salgono utili e ricavi in trim2, fiducia su fine anno

giovedì 25 luglio 2013 18:06
 

MILANO, 25 luglio (Reuters) - Luxottica chiude un altro trimestre con utili e ricavi in crescita, superando i due miliardi di fatturato, e guarda con fiducia al raggiungimento degli obiettivi di fine anno.

Continua l'espansione in tutte le aree geografiche in cui opera il gruppo, con un'Europa che si dimostra "in piena salute". Contribuiscono al risultato anche le vendite delle collezioni dei marchi Armani, "che hanno pienamente confermato le nostre migliori aspettative per il periodo", si legge in una nota.

L'utile netto adjusted del secondo trimestre sale a 218 milioni di euro (+12,5% dai 194 milioni dello stesso periodo 2012), il risultato operativo - sempre a livello adjusted - si attesta a 371 milioni (+12,4%). Il margine operativo del gruppo cresce ulteriormente dal 17,5% del secondo trimestre 2012 al 18,4%, il miglior risultato nella storia di Luxottica.

I dati adjusted, spiega il comunicato, escludono i costi non ricorrenti derivanti dalla riorganizzazione della nuova acquisita Alain Mikli International per 9 milioni sull'utile operativo, pari a 6 milioni dopo l'effetto fiscale. I dati corrispondenti del 2012 escludono i costi non ricorrenti derivanti dalla riorganizzazione del business retail australiano per 21 milioni sull'utile operativo, pari a 15 milioni dopo l'effetto fiscale.

Il fatturato passa da 1,882 miliardi a 2,018 miliardi (+7,2% a cambi correnti, 9,4% a parità di cambi).

"Questi eccellenti risultati confermano che il nostro è un business forte e robusto in un mercato con ottime prospettive di crescita e siamo confidenti di avere una solida base per raggiungere i nostri obiettivi per il 2013", commenta nella nota l'AD Andrea Guerra.

Il fatturato complessivo della divisione Wholesale nel trimestre sale a 880 milioni (+11,6% a cambi correnti, +13,9% a parità di cambi), quello della divisione Retail si porta a 1.138 milioni (+4,0% a cambi correnti, +6,3% a parità di cambi).

Nel secondo trimestre la generazione di cassa è pari a 200 milioni rispetto ai 180 milioni del 2012. L'indebitamento netto al 30 giugno si attesta a 1.886 milioni (1.662 milioni a fine 2012, 1.816 milioni al 31 marzo 2013), con un rapporto indebitamento netto/Ebitda adjusted pari a 1,3x, in linea con il trimestre precedente.

Il Cda ha inoltre deliberato di procedere all'emissione, entro i prossimi 12 mesi, di un prestito obbligazionario per un importo massimo di 500 milioni di euro, a valere sul "Euro Medium Term Note Programme" approvato in precedenza, dice la nota. L'emissione sarà destinata ad investitori qualificati con esclusione del collocamento in Nord America (Stati Uniti e Canada), Giappone e Australia.   Continua...