PUNTO 3-Enel, utile netto trim1 cresce a 1,975, 755 mln da cambi

martedì 7 maggio 2013 20:01
 

* Conti conferma target su anno

* Debito continua a crescere

* Investimenti del periodo a 1 mld (-20,5%

* Ebitda a 4,077 mld da 4,257 mld (Riscrive parzialmente e aggiunge dettagli da conference call)

ROMA, 7 maggio (Reuters) - Il cda di Enel ha approvato oggi i risultati del primo trimestre che si è chiuso con un utile netto di 1,975 miliardi, spinto in alto da 755 milioni di differenze di cambio, dai 1,275 miliardi nel primo trimestre del 2012.

E' in questo risultato che si riassumono le difficoltà dell'azienda che nel primo trimestre dell'anno è arretrata praticamente in tutte le aree geografiche e i Paesi dove è presente. Si salvano alcune divisioni in Italia e alcune unità nel Centro-Est europeo oltre ad Enel green power.

Basta guardare le slide che hanno accompagnato la presentazione agli analisti per rendersi conto che la promessa di centrare i risultati annunciati per l'anno, fatta oggi dall'Ad Fulvio Conti, sarà molto difficile.

In termini di margine lordo (ebitda) l'America latina, una delle aree strategiche per il gruppo, perde 72 milioni, scendendo dai 787 mln del 2012 ai 715 del primo trimestre 2013, perdendo poco meno del 10%.

Va in pari la Russia, altro mercato strategico. Crescono Romania, Bulgaria e Grecia. Crolla, invece, da 233 a 159 milioni, la Slovacchia. La Spagna ha ridotto da 1,109 mld a 969 milioni il proprio apporto al margine di Enel.   Continua...