PUNTO 3-Fiat Industrial, dati deboli, rivede attese 2013, cade titolo

martedì 30 aprile 2013 18:52
 

(Aggiunge dichiarazioni Marchionne, nuovi dati)

MILANO, 30 aprile (Reuters) - Fiat Industrial chiude il trimestre con dati peggiori delle attese e rivede al ribasso le previsioni 2013, a causa della debolezza dell'Europa e nonostante il buon andamento della controllata Usa Cnh.

Le azioni della società, in chiusura della giornata borsistica, sono tra le peggiori del listino, in calo del 5,3% a 8,57 euro, con volumi a oltre due volte la media giornaliera.

Brusco risveglio per gli analisti, dopo che nei mesi scorsi i conti del gruppo avevano tenuto, nonostante l'Europa.

Nel 2012 Iveco aveva registrato un lieve aumento della redditività, con una diminuzione a una cifra dei ricavi, grazie ai tagli dei costi e al miglioramento dei risultati dei servizi finanziari. Tutto questo in presenza di una riduzione dei volumi di oltre il 20% in Europa e America Latina.

"I volumi di Iveco sono scesi, ma più o meno come scendono ormai da diversi trimestri, eppure abbiamo una perdita per i veicoli industriali e dati di gruppo peggiori delle attese, nonostante il buon andamento di Cnh", dice un analista.

Il risultato della gestione ordinaria si attesta a 408 milioni dai 435 milioni del consensus raccolto da Fiat, il debito netto industriale a fine marzo a 2,5 miliardi da 2,375.

Il settore dei veicoli industriali chiude il periodo con una perdita della gestione ordinaria di 9 milioni da un utile di 63 milioni nel 2012.

"Il calo è legato alla riduzione dei volumi, a un contesto europeo con maggiore tensione sui prezzi, ai costi di start up connessi all'aumento della capacità produttiva delle attività brasiliane e al negativo impatto dei cambi", dice la nota.   Continua...