Fiat in ribasso dopo dati, mercato cauto su target 2013

martedì 30 aprile 2013 12:51
 

MILANO, 30 aprile (Reuters) - Nuovo ribasso di Fiat , con alcuni analisti che posizionano le loro stime sul 2013 sotto le previsioni della società, confermate ieri con la diffusione dei dati del trimestre più deboli delle attese.

Alle 12,40 italiane le azioni perdono l'1,68% a 4,56 euro, con scambi pari al 50% della media giornaliera. L'indice Stoxx di settore perde lo 0,06%.

Nei tre mesi gli Stati Uniti hanno registrato risultati ben sotto le attese, mentre l'Europa ha riservato qualche sorpresa positiva, insufficiente però per compensare il calo di ricavi e margini negli Usa.

Commerzbank, che, dopo i dati, conferma il giudizio "hold" con un target a 3,9 euro, ritiene che "le previsioni di trading profit 2013 a 4-4,5 miliardi di euro non saranno raggiunte" e indica un obiettivo a 3,4 miliardi.

SocGen, che ha un "sell" con target a 3,5 euro, ricorda che il titolo è salito molto nelle ultime settimane sulle attese per una chiusura a breve dell'acquisizione della partecipazione di Veba in Chrysler da parte di Fiat.

"Molte questioni devono essere risolte, ma Chrysler che non riesce a raggiungere i target evidenzia quante questioni siano ancora in divenire, nonostante il gruppo Usa abbia realizzato il 36mo mese di crescita in termini di vendite negli Usa", dice SocGen, che esprime preoccupazioni anche sull'Europa.

L'AD Sergio Marchionne ieri non ha dato nuove indicazioni sul progetto di fusione tra Fiat e Chrysler, ma ha ribadito che la nuova società avrebbe la principale quotazione a Wall Street e un listing secondario a Milano.

(Stefano Rebaudo)   Continua...