Fiat non vede impatto in Usa da yen debole, Emea migliore in 2013-AD

lunedì 29 aprile 2013 19:20
 

MILANO, 29 aprile (Reuters) - Chrysler, gruppo Fiat , non vede impatto negativo sulle vendite Usa da uno yen debole, dopo la decisione della Bank of Japan di dare un forte stimolo all'economia attraverso un allentamento della politica monetaria.

Lo ha detto l'AD Sergio Marchionne, aggiungendo che prevede nell'area Emea un calo della perdita operativa nel 2013.

"Non abbiamo visto ancora nulla. Non abbiamo visto nessuna indebita pressione sui prezzi", ha detto Marchionne rispondendo a una domanda su un possibile impatto di un indebolimento dello yen sulle vendite di Chrysler.

"Se la domanda è se riteniamo sia da includere nelle previsioni (sulle vendite negli Stati Uniti), la risposta è no".

"Prevediamo un miglioramento della redditività in Europa in termini di trading profit", ha aggiunto L'AD.

(Redazione Milano,reutersitaly@thomsonreuters.com,+39 02 66129431, Reuters messaging: stefano.rebaudo.reuters.com@reuters.net)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia