PUNTO 1-Eni, utile netto adj trim1 -39% a 1,43 mld su calo produzione, Snam

mercoledì 24 aprile 2013 18:12
 

(Aggiunge altri dettagli da comunicato)

MILANO, 24 aprile (Reuters) - Eni ha chiuso il primo trimestre del 2013 con un utile netto adjusted (senza le componenti straordinarie) di 1,43 miliardi di euro, in calo del 39%. A pesare sui conti il deconsolidamento di Snam, uscita dal perimetro del gruppo con la cessione della maggioranza relativa a Cdp l'anno scorso e i minori risultati delle divisioni E&P e gas.

Le stime di utile netto adj Thomson Reuters indicavano quota 1,5 miliardi nel trimestre.

L'utile operativo adjusted si attesta nel periodo a 3,79 miliardi in contrazione del 36%, spiega un comunicato.

Nel trimestre la produzione di idrocarburi è scesa del 4,9% a 1,6 milioni di barili al giorno a causa di alcuni eventi contingenti in Nigeria, Libia e Regno Unito.

Nel primo trimestre 2013 le vendite di gas di 30,22 miliardi di metri cubi hanno registrato una flessione dell'1,3% rispetto al primo trimestre 2012. Escludendo la perdita di collegamento nella Galp, le vendite sono sostanzialmente in linea, dice Eni.

L'indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2013 è pari a 15,99 miliardi con un leggero incremento rispetto a fine 2012.

"Confermiamo gli obiettivi di crescita e redditività del 2013 malgrado il rallentamento del primo trimestre dovuto a una serie di eventi contingenti che hanno penalizzato le produzioni di idrocarburi e al perdurare dello scenario negativo del mercato del gas", ha così commentato i risultati l'AD, Paolo Scaroni.

Secondo il numero uno di Eni, "la divisione E&P conferma gli obiettivi di crescita per il 2013 grazie ai progressi nello sviluppo dei progetti in corso. La G&P beneficerà delle rinegoziazioni dei contratti gas che mitigheranno l'impatto negativo di un mercato ancora in forte contrazione. Le divisioni R&M e Versalis, in forte recupero rispetto allo scorso anno, proseguiranno nelle azioni di miglioramento della redditività".   Continua...