March 20, 2013 / 5:14 PM / 4 years ago

PUNTO 1-Pop Milano con Spa e aumento accelera rilancio in vista cedola

5 IN. DI LETTURA

(Riscrive, aggregando pezzi, aggiorna chiusura titolo)

di Andrea Mandalà

MILANO, 20 marzo (Reuters) - Con l'avvio del progetto di trasformazione in SpA e il rafforzamento patrimoniale da 500 milioni annunciato ieri, Pop Milano accelera il processo di rilancio avviato a fine 2011 e che consentirà alla banca di tornare a distribuire il dividendo.

L'obiettivo è quello di avere una banca "stabile" e "bilanciata" sia sotto il profilo della governance che della struttura patrimoniale e che può sfruttare a pieno la buona operatività dimostrata con gli ultimi conti grazie anche alla profonda pulizia di bilancio effettuata nell'ultimo anno.

Ne sono convinti i vertici di Piazza Meda mentre il mercato apprezza gli ultimi sviluppi, compresa l'attesa di un ritorno al dividendo, con un balzo in borsa di oltre l'11%.

"I numeri sono leggermente migliori delle attese a livello operativo anche se l'utile netto riflette le maggiori rettifiche cu crediti", dice un analista.

"Il processo di trasformazione in Spa aumenta l'appeal speculativo sul titolo", aggiunge un altro analista.

L'aumento di capitale, il cui avvio è atteso dopo l'estate - entro ottobre - è finalizzato a ripagare i Tremonti bond per lo stesso ammontare sottoscritti dal Tesoro nel 2009 e porterà il Core Tier 1 al 10,1%, se accoppiato anche con la rimozione delle maggiori ponderazioni (i cosidetti add-ons) imposti dalla Banca d'Italia nella segnalazione di giungo 2011.

Bpm conta di rimborsare i Tremonti bond, previa autorizzazione della Banca d'Italia, entro il prossimo 30 giugno prima che scatti la clausola di step-up sulla cedola da pagare.

La rimozione degli add-ons dipenderà invece dal termine dell'ispezione a tutto campo in corso da parte della Vigilanza e i cui tempi si sono allungati anche per la verifica, come per tutto il sistema bancario italiano, sui crediti problematici e i relativi livelli di copertura.

"La banca era in una situazione di difficile operatività anche per la farraginosità delle decisioni", ha commentato il presidente de Cdg, Andrea Bonomi nel corso della presentazione agli analisti.

"Oggi siamo in buon anticipo su molte tappe del piano e in generale devo dire che siano in anticipo anche su quello che mi ero prefissato al mio arrivo", ha aggiunto.

Aumento Slegato Da Spa Ma Insieme in Assemblea Luglio

Nel corso della conference call l'AD, Piero Montani ha spiegato che l'operazione di aumento di capitale non è legata al piano di trasformazione in SpA che pure prevede l'assegnazione ai dipendenti, attraverso un aumento gratuito, di azioni della banca pari al 10% del capitale (pre-aumento a pagamento)

Le due operazioni dovrebbero comunque essere sottoposte alla stessa assemblea prevista a luglio, quando i soci si esprimeranno ancora con il voto capitario, ha spiegato Bonomi.

Riguardo alle maggioranze previste si dovrebbe applicare la norma dei due terzi, ha aggiunto il numero uno di Investindustrial, azionista di maggioranza della banca.

"Gli aumenti si fanno per la crescita non per la forma societaria", ha sottolineato l'AD Piero Montani.

"Non facciamo l'aumento di capitale per la forma societaria ma perchè credo che per la banca i tempi siamo maturi per guardare a cambiamenti e ad un futuro in maniere serena", ha aggiunto.

Il progetto sulla governance, che ha il pieno appoggio di Mediobanca, l'istituto che ha sostenuto tutto il processo di cambiamento di Bpm dall'arrivo di Bonomi e che fa parte del consorzio di garanzia anche su il nuovo aumento, prevede la costituzione di una Spa 'ibrida' e che mantiene alcuni aspetti di cooperazione.

In particolare i dipendenti, tramite una Fondazione (che riceverà dalla banca una dotazione iniziale di 10 milioni di euro ma che potrà poi contare sull'assegnazione del 5% dell'utile netto) potranno nominare 3 consiglieri del consiglio di sorveglianza dimagrito a 15 membri da 19. I restanti 12 consiglieri saranno espressione del mercato attraverso il voto rappresentativo del capitale.

I dipendenti potranno comunque esprimere un ulteriore numero di consiglieri attraverso le liste di minoranze.

Robusta Posizione Di Liquidita'

Commentando i conti della banca l'AD Montani ha sottolineato la "robusta posizione di liquidità" con un saldo netto a inizio marzo di circa 4,6 miliardi spot e di circa 3 miliardi a tre mesi.

L'espozione dell Bce, dopo avere rimborsato 1,5 miliardi di LTRO, scende a fine febbraio a 4,6 miliardi da 6,1 miliardi di settembre.

Gli asset eligible addizionali previsti entro fine 2013 ammontano a 1,5 miliardi.

Per quanto riguarda l'esposizione ai titoli governativi, la Bpm ha aumentato nel 2012 la sua esposizione ai titoli governativi a 8,41 miliardi di euro dai 6,58 miliardi del 2011 di coltre il 99% titoli italiani.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below