Banco di Sardegna, rettifiche crediti portano in rosso conti 2012

martedì 12 marzo 2013 19:01
 

MILANO, 12 marzo (Reuters) - Banco di Sardegna ha chiuso il 2012 con una perdita consolidata di 20,5 milioni di euro da un utile di 29,1 milioni dell'anno precedente dopo avere effettuato forti rettifiche sul portafoglio crediti per 218,4 milioni di euro.

Lo dice una nota dell'istituto controllato al 51,2% da Pop Emilia Romagna spiegando che sono stati adottati "criteri molto rigorosi nell'accertamento delle rettifiche di valore, in linea con gli orientamenti manifestati di recente dalla Banca d'Italia, a causa del deterioramento generale della situazione economico-finanziaria e dell'oggettiva maggiore difficoltà di alienazione delle proprietà immobiliari".

Nell'esercizio precedente la banca aveva effettuato rettifiche di valore nette per deterioramento crediti per 76 milioni di euro.

Sotto i profilo reddituale il margine d'interesse scende dell'1,3% a 338,9 milioni e le commissioni nette si attestano a 146,7 milioni, in crescita del 4,1% rispetto al 2011.

Sul risultato hanno inciso positivamente alcune plusvalenze da cessione di attività finanziarie e di una riduzione dei costi operativi.

Per quanto riguarda Banco di Sardegna Spa, il cui bilancio ha chiuso con una perdita di 22,1 milioni, il Cda ha deciso di proporre all'assemblea la copertura delle perdite attraverso l'utilizzo della riserva disponibile.

Per il testo integrale del comunicato i clienti Reuters possono cliccare su

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia