PUNTO 1- Atlantia-Gemina, Castellucci non vede diversa politica cedola

lunedì 11 marzo 2013 14:15
 

(Aggiunge dettagli da conference)

ROMA, 11 marzo (Reuters) - Atlantia non dovrebbe cambiare la sua attuale politica di dividendo in conseguenza della fusione con Gemina, anche se una decisione su questo punto sarà presa dopo le assemblee e attuata in occasione dell'anticipo della cedola previsto a novembre.

Lo ha detto l'AD di Atlantia Giovanni Castellucci rispondendo a un analista nella conference di presentazione della fusione deliberata venerdì dai rispettivi consigli di amministrazione.

"Non vedo alcuna ragione per cambiare", ha detto Castellucci, precisando che questo tema non è stato comunque affrontato e che una decisione sulla politica di dividendo verrà presa dopo l'assemblea di bilancio.

"E' qualcosa di cui ci occuperemo dopo l'assemblea e la prima decisione verrà presa con la distribuzione dell'acconto di novembre. Non mi aspetto decisioni prima di allora ma non vedo ragioni di cambiare", ha detto il manager.

Castellucci ha spiegato che la fusione permetterà di accrescere il merito creditizio e la capacità di finanziare gli investimenti di Adr sul mercato ma ha anche sottolineato che "Atlantia e Gemina potranno continuare a finanziare il loro capex indipendentemente".

Castellucci esclude che Atlantia debba scontare effetti diluitivi dalla fusione e al contrario ne sottolinea le potenzialità.

"Non stiamo facendo questa fusione perché ci serve per crescere fuori dall'Italia. La facciamo perché il piano di Adr - un asset italiano - è solido e ha molte potenzialità di lungo termine. Grazie a questa fusione possiamo cogliere opportunità ma non ad ogni costo", spiega l'AD di Atlantia che ricorda anche che il nuovo gruppo guarderà alle prossime privatizzazioni per gli aeroporti di Rio, Belo Horizonte e Santiago del Cile, ma sempre in una ottica di investimento "non da miliardi ma da 100-200 milioni medi all'anno" destinati alla crescita estera che nel settore degli aeroporti "è più redditizia".

Oggi i titoli delle due società, in un mercato negativo quotano decisamente al ribasso. Alle 14,00 Atlantia vale 12,24 euro in calo del 4% circa e Gemina 1,2869 in ribasso del 6,7%.   Continua...