Sias, utile 2012 balza grazie a plusvalenza, cedola totale 1,20 euro

venerdì 8 marzo 2013 14:51
 

MILANO, 8 marzo (Reuters) - Sias archivia il 2012 con un Ebitda di 558 milioni di euro, in diminuzione rispetto ai 573 milioni del 2011, e un utile netto in forte progresso grazie a plusvalenze, su ricavi del settore autostradale in calo dello 0,8% a 853 milioni.

Il Cda propone la distribuzione di un dividendo - a saldo - pari a 0,90 euro per azione, per complessivi 204,8 milioni. L'ammontare complessivo della cedola, tenuto conto della distribuzione di un acconto per 0,30 euro effettuata ad agosto, è pari a 1,20 euro per azione (di cui 0,33 euro di componente ordinaria e 0,867 straordinaria) per un controvalore di 273 milioni. Sull'esercizio precedente era stato pagato un dividendo complessivo di 0,41 euro.

Il 2012, si legge in una nota, beneficia della plusvalenza - pari a 379,5 milioni - derivante dalla cessione della partecipazione detenuta in Autostrade Sud America, a cui si contrappongono svalutazioni per 42,5 milioni di euro.

L'utile quota gruppo risulta quindi pari a 493 milioni rispetto ai 153 milioni dell'anno precedente.

L'andamento congiunturale che ha caratterizzato il 2012 ha determinato una flessione dei volumi di traffico pari al 7,48%, ma la contrazione dei ricavi autostradali risulta più limitata per gli aumenti tariffari riconosciuti con decorrenza 1 gennaio 2012.

L'indebitamento finanziario netto a fine dicembre è pari a 1.521 milioni, con un miglioramento di 235 milioni ascrivibile principalmente alla liquidità derivante dalla cessione della partecipazione detenuta in Autostrade Sud America, solo parzialmente reinvestita nell'acquisizione della partecipazione di controllo dell'Autostrada Torino Savona.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

  Continua...