PUNTO 1- Mediobanca batte attese in trim2, svaluta Telco per 95 milioni

martedì 26 febbraio 2013 18:21
 

(Aggiunge dettagli da nota, conference call)

MILANO, 26 febbraio (Reuters) - Mediobanca batte le attese nel secondo trimestre dell'esercizio 2012-13 grazie al contributo delle società consolidate a equity e nonostante la svalutazione della partecipazione in Telco per 95 milioni di euro.

Il trimestre si è chiuso con un utile netto di 14 milioni contro attese, raccolte dalla banca, che convergevano su una perdita di 10 milioni. Il dato consente di chiudere il primo semestre con un utile netto raddoppiato a 123,8 milioni.

Dal punto di vista patrimoniale il Core Tier 1 beneficia della politica prudenziale sugli impieghi e si attesta all'11,8% contro l'11,5% di fine settembre. Le disponibilità finanziarie sono cresciute a 23,2 miliardi da 22,2 di fine giugno scorso.

L'AD Alberto Nagel ha confermato che il nuovo piano triennale sarà pronto a giugno, avendo acquisito il piano della partecipata Generali, presentato il mese scorso, e contando sul fatto che per quella data ci sarà "una migliore comprensione" delle regole di Basilea 3.

Non significativa la reazione del titolo che ha chiuso in calo dell'8,64% a 4,856 euro in una seduta in cui i bancari sono stati tutti in forte ribasso a causa dell'incertezza innescata dall'esito delle elezioni politiche italiane.

I ricavi nel semestre sono scesi del 6,4% a 911 milioni con una flessione del margine di interesse del 6,7% attribuibile all'attività corporate & investment banking, delle commissioni (-14,2%) e del risultato del trading (-5,3%).

In crescita l'apporto delle società consolidate a equity che sale a 85,8 milioni grazie al contributo, in buona misura non ricorrente, di Gemina (27,2 milioni) che compensa le perdite operative di Rcs. In crescita anche il contributo di Generali (75,6 milioni da 65,9 milioni).

I costi di struttura diminuiscono del 5,9% a 375,6 milioni per i minori costi del personale (-3,4%) e spese amministrative (-8,4%).   Continua...