Unipol dichiara 2.200 esuberi, 1.200 assorbibili con dismissioni-Uilca

mercoledì 23 gennaio 2013 16:42
 

BOLOGNA, 23 gennaio (Reuters) - Unipol ha dichiarato esuberi per 2.200 unità in un incontro con i sindacati avvenuto ieri per la presentazione del piano di integrazione con il gruppo Premafin-Fonsai . Circa la metà, tuttavia, potrebbero essere assorbiti con il processo di dismissioni in corso.

Lo conferma Renato Pellegrini, responsabile assicurativo della Uilca, interpellato a margine della IV Conferenza di organizzazione, promossa dalla sigla sindacale.

"Ieri c'è stato un incontro con i sindacati per illustrate il piano di fusione in corso. C'è stata una dichiarazione di esuberi, effetto della riduzione dei costi e delle sinergie, calcolabili in 2.200 unità", ha spiegato Pellegrini.

Dei 2.200 esuberi - ha spiegato Pellegrini - 1.200 sono legati al piano di dismissioni imposto dall'Antitrust per un valore corrispondente in premi di 1,7 miliardi.

Resterebbero 1.040 unità che però potrebbero aumentare qualora gli acquirenti degli asset dismessi decidessero di non farsi carico del personale, ha aggiunto.

Per la gestione degli esuberi "c'è un ventaglio di possibilità: dall'attivazione del fondo di solidarietà agli esodi volontari incentivati, all'utilizzo dei part-time o al blocco delle assunzioni", ha detto Pellegrini.

(Andrea Mandalà)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia