Fiat, piano non privo di rischi, ma ha evitato chiusura impianto-AD

giovedì 17 gennaio 2013 13:11
 

MILANO, 17 gennaio (Reuters) - Il piano produttivo che Fiat ha presentato il 30 ottobre, che punta sull'alto di gamma, ha evitato la chiusura di un impianto in Italia e non è privo di rischi.

"Avevamo due alternative, concentrarci sulle auto di massa, scelta che avrebbe portato alla chiusura di uno stabilimento in Italia", ha detto l'AD Sergio Marchionne, durante un incontro organizzato da Quattroruote. "La seconda era concentrarsi sui marchi premium e rilanciare gli investimenti".

"La prima via era la più facile, razionale, economica. Quella considerata migliore da alcuni, in particolare gli analisti finanziari", ha aggiunto. "La seconda è una scelta coraggiosa e non priva di rischi".

"Fiat e Chrysler insieme hanno architetture e motori all'avanguardia nei segmenti premium", ha aggiunto.

(Stefano Rebaudo)

(Redazione Milano,reutersitaly@thomsonreuters.com,+39 02 66129431, Reuters messaging: stefano.rebaudo.reuters.com@reuters.net)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia