PUNTO 1-Banco Popolare, netto sem1 a 29 mln dopo impatto fair value

martedì 28 agosto 2012 20:01
 

(Aggunge dettagli da nota)

MILANO, 28 agosto (Reuters) - Banco Popolare ha chiuso il primo semestre dell'anno con un utile di 29 milioni contro i 189,6 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso dopo avere contabilizzato l'impatto negativo per 142 milioni derivante dalla valutazione a fair value delle passività di propria emissione.

Escludendo questo impatto dovuto alla volatilità del merito creditizio (misurato dalle quotazione dei Cds) l'istituto archivia il semestre con un utile netto consolidato di 171,3 milioni in crescita del 2,7% rispetto ai 166,9 dell'anno precedente, spiega una nota.

L'andamento economico della gestione evidenzia un margine di interesse in crescita del 2,9% su anno a 916,7 milioni grazie alle politiche di repricing che hanno compesato il calo dei volumi e l'aumento del costo della raccolta.

Bene anche le commissioni nette, +3,5% a 678,2 milioni, nonostante i costi (18,3 milioni) legati alle acquisizioni della garanzia dello Stato Italiano su nuove emissioni obbligazionarie per un ammontare pari a 4,7 miliardi utilizzate come sottostante per operazioni di finanziamento con la Bce.

Gli oneri operativi sono in calo del 3,3% a 1.169,6 milioni. In particolare le spese per il personale scendono del 3,4% grazie anche alla riduzione degli organici.

La banca conferma la riduzione del personale prevista per il 2012 anche attraverso l'uscita delle 300 risorse che hanno aderito al Fondo di Solidarietà per le quali non dovrebbero esserci dubbi dopo le delle ultime informazioni pervenute dall' Inps.

Le rettifiche di valore nette per deterioramento dei crediti verso la clientela sono pari a 398,1 milioni rispetto ai 399,7 milioni addebitati al conto economico nel primo semestre 2011.

Sotto il profilo patrimoniale Banco Popolare raggiunge a fine giugno un Core Tier 1 ratio del 10,2% dal 7,1% di inizio anno, superiore al livello richiesto dall'Eba, beneficiando anche dell'adozione dei modelli interni nella misurazione del rischio di credito e di mercato e dell'operazione di buyback di propri strumenti di capitale effettuato nel primo trimestre.   Continua...