2 agosto 2012 / 15:53 / tra 5 anni

PUNTO 1-Tenaris vede ricavi sem2 in crescita rispetto a sem1 - AD

(Aggiunge dettagli da conference call)

MILANO, 2 agosto (Reuters) - Tenaris stima che i ricavi del secondo semestre saranno in crescita rispetto alla prima metà dell‘anno.

E’ quanto ha detto l‘amministratore delegato, Paolo Rocca, nel corso della presentazione del risultati del secondo trimestre.

“Nel secondo semestre ci aspettiamo che i ricavi crescano rispetto alla prima parte dell‘anno”, ha affermato Rocca.

L‘AD ha ribadito di attendersi un livello di marginalità vicino agli attuali nella parte restante dell‘anno.

Rocca ha sottolineato il peso crescente dei prodotti premium, che garantiscono maggiore marginalità, e ha affermato che i clienti del gruppo a cui fa capo Dalmine “stanno mantenendo i programmi di investimento”.

L‘AD ha anticipato che i risultati del terzo trimestre subiranno un impatto negativo per via di interventi di manutenzione su alcuni impianti, ma, complessivamente, il secondo semestre non ne risentirà.

Interpellato sulle previsioni riguardanti i volumi dei tubi cosiddetti seamless, cioè senza giunte, il manager ha detto di vederli in crescita nel secondo semestre rispetto allo stesso periodo del 2011, fermo restando l‘impatto negativo degli interventi di manutenzione degli impianti nel terzo trimestre.

Per quanto riguarda il trend dei prezzi, Rocca ha parlato di “calo in alcuni segmenti, che per noi viene compensato dal cambiamento nel mix dei prodotti”.

Il quadro di riferimento per le previsioni di Tenaris prevede “un prezzo del greggio più o meno nel range attuale”. Certo, ha aggiunto l‘AD, “se la situazione economico-finanziaria dell‘Europa dovesse peggiorare ulteriormente, dovremmo rivedere il quadro di riferimento”.

FIDUCIA IN MERCATI NORD E SUD AMERICA

Dal punto di vista geografico, il gruppo, per bocca di Rocca, si dice fiducioso nel lungo termine sul mercato nordamericano.

Nell‘area dell‘America Latina, chiave per il gruppo, Tenaris, dopo averne acquisito il controllo attraverso un‘Opa, ha consolidato Confab nella controllata brasiliana e ora sta riorganizzando le attività.

In Argentina, Rocca ha posto l‘accento sulla pressione dei costi, “in particolare il costo del lavoro”, ma ha aggiunto che, dopo le turbolenze legate all‘arrivo alla presidenza di Cristina Fernandez Kirchner, “stiamo operando normalmente”.

Buenos Aires ha una grande necessità di risorse energetiche e di ridurre le importazioni di idrocarburi. L‘AD prevede che si vedranno investimenti crescenti, “nei prossimi trimestri vedremo una domanda in rialzo”. A partire dal 2013, “ci aspettiamo una crescita del livello di cooperazione (tra politica e imprese) perché il governo troverà il modo di attrarre capitali esteri”.

Il titolo Tenaris ha chiuso il rialzo dello 0,19%, a 15,74 euro. Sono passati di mano circa 3,5 milioni di pezzi, contro una media dell‘intera seduta di 2,090 milioni negli ultimi trenta giorni.

I giudizi degli analisti sui risultati sono complessivamente positivi.

Per leggere il comunicato integrale, i clienti Reuters possono cliccare su

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below