A2A avvierà in autunno altre dismissioni per ridurre debito-Ravanelli

mercoledì 1 agosto 2012 16:34
 

MILANO, 1 agosto (Reuters) - Dopo la cessione di Coriance, la politiica di dismissioni di A2A, volta a ridurre l'indebitamento del gruppo, non si è conclusa: ci sono ancora alcuni asset che saranno valorizzati in autunno.

Lo ha detto il direttore generale della superutility lombarda, Renato Ravanelli, nel corso di una conference call per commentare i risultati del secondo trimestre.

"I risultati del semestre non incorporano ancora gli effetti della cessione di Coriance annunciata due giorni fa. Coriance non è che un primo tassello delle dismissioni. Il processo non è finito: ci sono ancora alcuni asset che possono essere valorizzati e sui quali inizieremo a lavorare da settembre", ha sottolineato il manager.

Al 30 giugno l'indebitamento netto di A2A è salito a 4,86 miliardi di euro a seguito del pieno consolidamento di Edipower, ma è sceso di 245 milioni di euro al netto della ex genco Enel.

"Se a questo dato si aggiungono i 160 milioni di riduzione per effetto della cessione di Coriance in questi sei mesi il debito di gruppo è stato ridotto intorno ai 400 milioni", ha concluso Ravanelli.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia