Saipem, titolo giù dopo semestre, mercato cauto su outlook misto

lunedì 30 luglio 2012 15:58
 

MILANO, 30 luglio (Reuters) - Saipem è in ribasso a Piazza Affari, in controtendenza rispetto al mercato, sulla scia del contrastante outlook espresso dalla società che ha annunciato i risultati del primo semestre.

La società di ingegneristica del gruppo Eni ha confermato la guidance per l'esercizio 2012 ma ha puntualizzato che "la debole domanda di gas nell'eurozona ha comunque determinato sia lo slittamento di importanti progetti di sviluppo che la costruzione di infrastrutture di trasporto destinate al mercato europeo".

Inoltre, si legge nel comunicato sulla semestrale, "la recessione economica e i problemi del sistema finanziario in diversi paesi europei stanno creando un clima di crescente incertezza sull'andamento dell'economia globale con impatti sui tempi dell'effettiva approvazione e avvio delle iniziative pianificate dalle Oil Companies".

Alle 15,50 circa Saipem cede l'1,33% a 37,23 euro a fronte di un rialzo del 2,4% dell'indice FTSE Mib e dell'1,4% dell'indice europeo Oil & Gas. Intensi i volumi, pari a poco oltre 2 milioni di pezzi trattati, sopra la media di una intera seduta di 1,5 milioni circa.

Un broker evidenzia che "i risultati sono in linea con il consensus e la guidance sull'anno è confermata, ma il management ha avuto toni cauti sulla tempistica dei progetti".

In particolare Saipem ha detto che il progetto Al Wasit, in Arabia Saudita, per conto Saudi Aramco, avrà minori volumi nel 2012 a causa della riprogrammazione di parte delle attività.

Per contro, diversi progetti in Nigeria, Angola, Brasile, Medio Oriente e Sud Est Asiatico dovrebbero essere approvati nel secondo semestre con effetti positivi sul business della società.

"Le dichiarazioni sull'outlook sono miste ", osserva un altro broker secondo cui anche i risultati sull'indebitamento -nel semestre in crescita di 743 milioni rispetto a fine dicembre - potrebbero avere deluso il mercato che invece sperava su un riduzione dell'esposizione.

  Continua...