Bpm,entro anno rimozione add-on Bankitalia, sereni su liquidità-AD

mercoledì 25 luglio 2012 12:45
 

MILANO, 25 luglio (Reuters) - Pop Milano conferma l'obiettivo di potere eliminare la gran parte delle maggiori ponderazioni richieste dalla Banca d'Italia per il calcolo dei coefficienti patrimoniali entro l'anno, passo fondamentale per il rafforzamento di capitale, e ha una posizione di serenità sul fronte della liquidità.

Lo ha detto l'AD Piero Montani nel corso della conference call sul piano al 2015.

"Entro l'anno potremmo chiedere alla Banca d'Italia la rimozione degli add-on", ha detto l'AD spiegando che l'autorizzazione delle Vigilianza all'eliminazione di questi vincoli consentirebbe al Core Tier 1 di guadagnare l'1,7%, rendendo più vicino l'obiettivo del piano del 9%.

"Questo ci servirà per potenziare il patrimonio ma anche per consentire il rimborso dei Tremonti bond per il prossimo anno", ha aggiunto.

Il pagamento dei Tremonti bond da 500 milioni di euro avrà un impatto negativo sul Core Tier 1 dell'1,3% mentre l'evoluzione del business dovrebbe contribuire positivamente per lo 0,6%.

Nel target del 9%, ha quindi sottolineato Montani, non viene calcolato l'ottimizzazione degli RWA grazie ad un eventuale passaggio ai modelli i modelli interni - per i quali la banca conta di potere presto chiedere l'autorizzazione alla banca d'Italia - così come eventuali cessioni di asset su attivi non strategici, quali portafogli impieghi, partecipazioni di minoranza o portafoglio fondi.

Sul fronte della liquidità "al momento siamo sereni. Ad un anno abbiamo volume di 3 miliardi che ci lascia tranquilli ma che teniamo sotto controllo", ha rassicurato l'AD.

Montani ha inoltre ricordato che la banca ha asset stanziabili in Bce per 4 miliardi ma nel business plan non è stato prefigurato un piano di partecipazione alle aste della Banca centrale europea.

"E' uno scenario che non abbiamo prefissato in modo preciso, lo gestiremo nella maniera più conveniente in base a quello che sarà lo sviluppo e l'andamento dei mercati. Non crediamo comunque che rappresenti un problema", ha detto.   Continua...