Ferragamo, no ingresso nuovi soci, non guarda ad acquisizioni

giovedì 26 aprile 2012 12:43
 

FIRENZE, 26 aprile (Reuters) - Il presidente di Ferragamo ha escluso l'ingresso di nuovi soci nel capitale e ha sottolineato che il gruppo non guarda a possibili acquisizioni, ma resta "molto focalizzato sulla crescita del core business e della rete di distribuzione".

"No", ha risposto Ferruccio Ferragamo a una domanda sul possibile ingresso di nuovi azionisti a margine dell'assemblea di bilancio.

Il presidente ha anche escluso tassativamente l'ipotesi di portare fuori dall'Italia parte della filiera produttiva. "Non se ne parla", ha detto, "siamo felici di non aver mai tolto lavoro alle fabbriche con cui abbiamo rapporti decennali, anche se ovviamente siamo molto attenti ai costi".

A proposito della quotazione in borsa, avvenuta lo scorso giugno, il presidente ha osservato che "se tornassimo indietro lo rifaremmo. Con la quotazione abbiamo raggiunto l'obiettivo che desideravamo".

Per quanto riguarda le prospettive per il 2012, l'amministratore delegato Michele Norsa ha ribadito che "in assenza di fenomeni straordinari a livello macroeconomico e geopolitico ci attendiamo una crescita significativa".

L'AD ha detto che dal 2011 sono già arrivati "risultati significativi in tutte le aree, ad eccezione del Giappone che però non ha un impatto rilevante".

Ferruccio Ferragamo ha aggiunto che il mercato dell'area euro "beneficia molto anche del turismo e noi siamo particolarmente attenti a carpire qualsiasi opportunità. L'Asia è un mercato importante, ma anche Europa e America ho fiducia che possano mantenere il trend del 2011".

Norsa ha spiegato che "il rinnovamento dei negozi esistenti, in particolare quelli più grandi" assorbirà anche nel 2012 la gran parte degli investimenti, mentre i programmi di espansione si concentreranno "sul mercato cinese e del sud est asiatico".

Norsa non ha specificato quanti nuovi punti vendita saranno aperti nel 2012, ma ha detto che "forse potrebbe esserci la chiusura di qualche piccolo punto vendita" in favore dell'apertura di nuove superfici commerciali più ampie.   Continua...