25 aprile 2012 / 15:28 / 5 anni fa

PUNTO 3-Fiat Industrial, trading profit ben oltre attese

(Aggiunge dichiarazioni Marchionne, Altavilla)

MILANO, 25 aprile (Reuters) - Fiat Industrial ha chiuso il primo trimestre del 2012 con trading profit di gruppo a 435 milioni di euro, ben oltre le attese degli analisti, grazie alla controllata Cnh e nonostante la debolezza di Iveco e Fpt.

Una nota della società conferma gli obiettivi 2012, ma il presidente Sergio Marchionne dice che i target potrebbero essere rivisti al rialzo già nel secondo trimestre dell'anno.

Scondo la nota, il debito industriale netto si attesta a 1,9 miliardi (1,2 miliardi a fine 2011), quindi peggio delle previsioni di 1,4 miliardi, appesantito "dall'aumento stagionale del capitale di funzionamento".

Un analista sottolinea i dati operativi "migliori delle previsioni" e dice che l'aumento del debito "è legato, almeno in parte, a Cnh che ha aumentato la produzione oltre le necessità della domanda. Questo probabilmente per soddisfare un mercato in espansione nella parte rimanente dell'anno".

L'utile netto dei tre mesi si attesta a 207 milioni (da 114 milioni dello stesso periodo del 2011), il fatturato a 5,8 miliardi (+9,3%),

La liquidità disponibile è pari a 5,4 miliardi e include 1,6 miliardi di linee di credito disponbili, ma non utilizzate.

In termini di fatturato Cnh ha registrato nel trimestre un aumento del 24,8% a 3,8 milardi, Iveco un calo del 10,9% a 1,9 miliardi, Fpt -7% a 678 milioni.

Per quanto riguarda il trading profit, Cnh ha realizzato un margine in rialzo al 9,8 dal 7,1%, Iveco al 3,4 dal 3,3%, Fpt ha chiuso i tre mesi con 14 milioni da 3 milioni.

Iveco opera in un mercato difficile, ma l'AD Alfredo Altavilla ha detto che il gruppo non ridurrà i prezzi. "Il mercato è quello che è", ha detto. "Saremo in grado di mantenere i prezzi, perchè abbiamo introdotto il nuovo Daily a settembre. Non abbiamo intenzione di fare stupidi giochi sui prezzi".

Il consensus elaborato da Fiat Industrial con 20 analisti indicava una mediana a 340 milioni per il trading profit di gruppo, a 245 milioni per l'utile pretasse, a 140 milioni per l'utile netto e a 1,4 miliardi per il debito industriale netto.

Le azioni Fiat Industrial, dopo i dati, chiudono con un progresso del 6,95%, vicino ai massimi di seduta, dopo il rally seguito ai risultati della controllata statunitense, diffusi nella tarda mattinata.

POSSIBILE REVISIONE TARGET IN SECONDO TRIMESTRE

"La nostra politica è quella di non rivedere le attese prima del terzo trimestre", ha detto Marchionne nella conference call sui risultati. "Considerata la forte performance, potremmo essere costretti a rivedere le guidance nel secondo trimestre".

I target 2012 prevedono fatturato a circa 25 miliardi, trading profit a 1,9-2,1 miliardi, utile netto a 900 milioni, debito netto industriale a 1-1,2 miliardi, cash e cash equivalents a oltre 4 miliardi, Capex a 1,2-1,4 miliardi.

(Stefano Rebaudo)

(Redazione Milano,reutersitaly@thomsonreuters.com,+39 02 66129431, Reuters messaging: stefano.rebaudo.reuters.com@reuters.net)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below