Banche italiane, dopo svalutazioni ancora bassa redditività -S&P

martedì 3 aprile 2012 09:04
 

LONDRA, 3 aprile (Reuters) - Dopo le perdite riportate nei bilanci 2011 per le ingenti svalutazioni degli avviamenti, le banche italiane continueranno ad avere una bassa redditività e una politica di dividendi conservativa.

Lo scrive Standard & Poor's in un commento sulle banche italiane dopo che alcuni grandi istituti hanno chiuso i loro bilanci 2011 con un drastico ridimensionamento dei valori dei beni intangibili, frutto delle stagioni passati di grandi aggregazioni.

"Consideriamo tra le altre cose che le notevoli svalutazioni degli avviamenti supporti la nostra idea che la redditività delle banche italiane resterà probabilmente bassa nei prossimi anni e che questo indurrà la maggior parte degli istituti ad adottare politiche di dividendi conservative, dopo aver cancellato o ridotto quelli di quest'anno", dice S&P, che si aspetta che ulteriori svalutazioni degli avviamenti siano possibili per banche di dimensioni minori che negli ultimi dieci anni hanno fatto acquisizioni di filiali.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia