PUNTO 1-Fondiaria, aumento fino a 750 mln dopo perdita 925 mln in 2011

venerdì 23 dicembre 2011 21:45
 

(Accorpa storie)

MILANO, 23 dicembre (Reuters) - Fondiaria Sai si prepara a una nuova ricapitalizzazione dopo l'operazione da 450 milioni di questa estate per far fronte a una pesante perdita 2011 e al crollo del margine di solvibilità.

Il 2011 chiuderà con un perdita stimata a 925 milioni di euro e un margine di solvibilità sotto la soglia minima regolamentare, attorno a 90%.

Lo si legge nel comunicato emesso dopo che il cda ha approvato un aumento di capitale tra 600 e 750 milioni di euro da avviare entro marzo 2012 con obiettivo di portare il margine di solvibilità ad almeno il 120%. Un nuovo piano industriale dovrà essere approvato entro gennaio.

Il calo del margine di solvibilità è dovuto all'adeguamento delle riserve sinistri del ramo danni (660 milioni) e alle perdite di valore degli investimenti (350 milioni per l'adeguamento di valore del portafoglio azionario ed obbligazionario). Pesano anche svalutazioni di immobili per 165 milioni e di avviamenti stimate in 120 mln.

Mediobanca si è incaricata di promuovere il consorzio di garanzia per l'aumento di capitale che vedrà probabilmente la diluizione della famiglia Ligresti.

Il cda ha anche dato mandato all'AD e al direttore generale per la vendita della quota del 33% in Igli, la finanziaria che controlla quasi il 30% di Impregilo, al gruppo Gavio. Secondo una fonte, l'offerta di Gavio valorizza Impregilo 3,6 euro per azione.

"Ci sarà una lieve plusvalenza", ha detto una seconda fonte vicina ai vertici.

(Andrea Mandalà) (redazione Milano)