PUNTO 1-Abi stima Roe banche Italia 2011 a minimo storico 0,3%-Afo

mercoledì 21 dicembre 2011 14:58
 

(Aggiunge dettagli, dichiarazioni Sabatini)

ROMA, 21 dicembre (Reuters) - Il rapporto di previsione di Abi (Afo) pubblicato oggi stima che il Roe delle banche nel 2011 raggiungerà il minimo storico, ma anche che gli istituti di credito italiani sono in grado di rafforzare i loro patrimoni, portando il loro Core Tier1 al 9,3% entro al 2013.

Il direttore generale dell'Abi Giovanni Sabatini ha anche reiterato le critiche dell'associazione all'Autorità bancaria europea (Eba), il cui esercizio sta mettendo sotto pressione la capacità di erogare credito all'economia in una fase di forte stagnazione economica.

"Possiamo fare una serie di importanti azioni per recuperare efficienza e redditività, ma abbiamo un problema regolatorio sia internazionale sia nazionale con vincoli amministrativi che non trovano paragoni in altri Paesi", ha detto Sabatini chiedendo che le banche siano lasciate più libere di recuperare margini di redditività.

L'associazione stima che il Roe scenda dal 2,8% del 2010 allo 0,3% quest'anno, per risalire al 2,4% e poi al 3% nei due anni successivi.

Sabatini ha sottolineato che il basso livello di redditività può indurre gli istituti "volontariamente a cambiare Dna" per cercare nuove strade per aumentare l'utile, magari "facendo più finanza e meno banca tradizionale". Ma c'è anche il rischio che, con questi bassi livelli di ritorno sul capitale, si creino problemi negli assetti di governance delle banche e "arrivino nuovi azionisti che poi chiedono modelli di banca diversi rispetto a quello tradizionale"

Il direttore generale dell'Abi ha detto che la manovra correttiva del governo di Mario Monti va nella giusta direzione e che adesso servono risposte a livello comunitario credibili per far fronte alla crisi del debito sovrano della zona euro.

"La manovra è dura, difficile, poteva essere migliore, diversa ma comunque è necessaria e noi l'abbiamo supportata. Ora riteniamo, usando una espressione che ritengo infelice, di aver fatto i nostri compiti", ha detto Sabatini.

  Continua...