Pirelli, su utile trimestre pesano svalutazioni quote Rcs, Prelios

giovedì 12 maggio 2016 18:47
 

MILANO, 12 maggio (Reuters) - Pirelli chiude il primo trimestre 2016 con un utile netto di 40,4 milioni di euro (84,6 milioni nello stesso periodo 2015) che riflette l'impatto negativo del risultato da partecipazioni e l'incremento degli oneri finanziari netti per 30,6 milioni.

Lo si legge in una nota della società controllata dalla cinese ChemChina e partecipata da un gruppo di soci italiani.

Il risultato da partecipazioni è negativo per 42,5 milioni, dato legato alle svalutazioni delle collegate Fenice e Prelios <PRE.MI, oltre che di Rcs.

Il primo trimestre vede ricavi per 1.436 milioni di euro, con una crescita organica (a parità di perimetro e al netto dell'effetto cambi, negativi per il 9,3%) pari al 5,1%.

La crescita è legata al forte miglioramento della componente prezzo/mix (+6,1%), a maggiori vendite sul canale Ricambi e al diverso mix geografico e di prodotto.

Un andamento che ha più che compensato la lieve riduzione dei volumi (-0,8%, principalmente sui mercati emergenti e nel business Industrial) e la riduzione delle vendite delle altre attività (-0,2%).

Nel Premium i volumi crescono dell'11,7% e i ricavi organici del 10,5% a 781,9 milioni di euro.

L'Ebitda ante oneri non ricorrenti e di ristrutturazione è pari a 290 milioni, in crescita del 2,5% a parità di perimetro, con un margine Ebitda pari al 20,2%.

Il 6 maggio, infine, è stato stipulato l'atto di fusione fra Marco Polo, la holding usata per lanciare l'opa su Pirelli, e Pirelli & C.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia