SINTESI-Campari, trim1 sorprende al rialzo ma outlook invariato, titolo record

lunedì 9 maggio 2016 15:34
 

(Aggiunge altri dettagli da comunicato stampa, conference call)

MILANO, 9 maggio (Reuters) - Campari sorprende con una crescita organica del 7,2% nel primo trimestre, tradizionalmente poco significativo per il gruppo. Un'accelerazione, che si traduce in vendite stabili per 327,4 milioni, riconducibile per il 3,3% solo alla diversa calendarizzazione della Pasqua.

Ma, per gli analisti, anche Ebit e utile lordo sono stati superiori alle aspettative e il mercato ha premiato il titolo spingendolo sui nuovi massimi storici di 8,985 euro.

L'AD Bob Kunze-Concewitz ha confermato la guidance di inizio anno, ricordando che i primi tre mesi hanno risentito positivamente anche della tempistica degli ordini negli Usa mentre a erodere la crescita ha inciso la contrazione del business dello zucchero in Giamaica, "flessione non recuperabile nel corso dell'anno".

Nel corso della conference call con gli analisti, il direttore finanziario Paolo Marchesini ha previsto un impatto del 5% dei cambi sulla top line per quest'anno anticipando ulteriori spazi per aumentare l'Ebitda margin dopo che, prima delle voci straordinarie, è salito nei primi tre mesi al 20,4% (19,1% a parità di forex e perimetro) dal 17,2%.

L'Italia, che pesa per il 26,1% delle vendite, ha visto una crescita del 2,4% nel periodo. Se la Pasqua fosse caduta più tardi, secondo l'AD, la crescita sarebbe stata dell'1-1,5%.

"Ma i dati Nielsen mostrano che i marchi relativi all'aperitivo lungo stanno crescendo, i 'ready to drink' sono piatti e siamo penalizzati di più sul fronte del whisky", ha aggiunto.

A livello di bottom line, l'utile lordo del gruppo nel periodo è sceso del 4,3% a 34,2 milioni, risultando in crescita del 26,1% a 40,2 milioni se rettificato per le componenti non ricorrenti imputabili alla prima quota di costi di transazione relativa a Spml (Grand Marnier), oltre a svalutazioni conseguenti a cessione di business.

In espansione la performance operativa organica con un Ebit prima di oneri e proventi non ricorrenti a 53,9 milioni, pari ad un incremento del 21,1% e del 20,3% organico. Come promesso in occasione dei risultati di bilancio, risulta in espansione anche l'Ebit margin prima delle voci straordinarie, pari al 16,5% (15,3% a perimetro e cambi costanti) dal 13,6% del corrispondente periodo 2015.   Continua...