Mps, assemblea approva bilancio 2015 con ricalcolo Alexandria

giovedì 14 aprile 2016 15:44
 

ROMA, 14 aprile (Reuters) - L'assemblea degli azionisti della Banca Mps ha approvato il bilancio del 2015 che si è chiuso con un utile consolidato di 388 milioni di euro per effetto della nuova contabilizzazione del contratto Alexandria che ha portato un beneficio di 500 milioni ai conti.

Al netto di questa partita contabile, richiesta da Consob, la banca ha chiuso il consolidato in perdita per 112 milioni di euro. Su questa base, la chiusura in perdita dell'esercizio al netto di questa partita contabile straordinaria, l'istituto potrebbe pagare al Tesoro con nuove azioni, a inizio luglio, la cedola residua dovuta sui Monti Bond relativa al 2015, facendo salire la partecipazione pubblica al 7% dall'attuale 4%.

"Stiamo verificando la cosa da un punto di vista tecnico", ha detto Viola lo scorso 16 marzo in relazione a questa ipotesi.

Gli azionisti hanno approvato la proposta di destinare l'utile netto di esercizio individuale della capogruppo (pari a 416,6 milioni di euro), unitamente alle riserve disponibili (pari a 54 milioni di euro) a copertura parziale delle riserve negative (complessivamente pari a 708 milioni di euro) riconducibili al restatement dell'operazione Alexandria e ai costi dell'aumento di capitale perfezionato nel 2015. Ne risulta una riserva negativa residua pari a 237,4 milioni di euro.

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia