Banca Ifis vede aumento cedola 2015 del 10-15% su anno, titolo accelera

martedì 28 luglio 2015 12:49
 

MILANO, 28 luglio (Reuters) - Banca Ifis ha archiviato il primo semestre con un utile più che raddoppiato rispetto a un anno prima grazie alla cessione di parte del portafoglio di titoli di Stato e prevede che il dividendo per l'esercizio in corso cresca tra il 10 e il 15% rispetto al precedente.

E' quanto si legge in una nota della società.

Più nel dettaglio, il margine di intemediazione nel semestre è cresciuto dell'85,1% a 264,7 milioni "grazie alla significativa crescita registrata dai segmenti DRL (+50%) e Crediti Fiscali (+72,3%), nonché per effetto degli utili generati dall'operazione di riassetto di parte del portafoglio titoli di Stato perfezionatasi nel mese di aprile 2015 (124 milioni di euro lordi)". Il risultato netto della gestione finanziaria è salito a 247,8 milioni (+103,4%), ma a 123,8 milioni al netto degli effetti della cessione dei titoli di Stato. L'utile netto è aumentato del 161,3% a 130,8 milioni. Le sofferenze nette al 30 giugno 2015 ammontavano a 32,4 milioni contro i 33 milioni a dicembre 2014.

"Il consiglio di amministrazione alla luce dei risultati sin qui ottenuti e dalle evidenze ad oggi disponibili riguardo l'andamento gestionale atteso del secondo semestre, ritiene sarà possibile proporre la distribuzione di un dividendo per azione in crescita tra il 10 e il 15% rispetto a quello erogato per l'esercizio 2014", spiega l'AD Giovanni Bossi. La cedola per l'esercizio 2014 è stata pari a 0,66 euro per azione.

La banca inoltre prevede "un andamento positivo della redditività per il 2015".

Dopo la pubblicazione dei risultati il titolo ha mostrato un'accelerazione e attorno alle 12,45 sale del 2,83%.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

  Continua...