PUNTO 2-Iren, piano al 2020 vede Ebitda a circa 860 mln euro, polo aggregatore

mercoledì 17 giugno 2015 16:00
 

* Dividendo: floor minimo a 0,523 euro, poi +10% annuo dal 2018

* Ad Bianco: "Piano non prevede contributi da operazioni M&A"

* Titolo strappa in Borsa: +4,3% (Aggiunge altri dettagli, dichiarazioni)

di Giancarlo Navach

MILANO, 17 giugno (Reuters) - Iren alza il velo sul piano industriale al 2020 che prevede un ebitda a circa 860 milioni di euro, in incremento di circa 220 milioni di euro rispetto al 2014, con un tasso di crescita annua del 5,1%. L'85% di tale risultato verrà raggiunto già nel 2018, mentre l'utile netto è atteso sostanzialmente raddoppiato nell'arco del piano a 190 milioni, spiega la società in una nota.

Quanto alla politica dei dividendi, sarà caratterizzata da un limite inferiore costituito dal dividendo pagato nel 2015 (0,523 euro per azione) e da una crescita di circa il 10% all'anno a partire dal 2018.

Al 2020 il debito è visto in riduzione di circa 300 milioni, sotto i 2 miliardi, mentre gli investimenti cumulati sono pari a 1,8 miliardi.

Il titolo sta reagendo bene a Piazza Affari e intorno alle 15,40 segna un rialzo del 4,23% a 1,30 euro. Scambi per oltre 3,6 milioni di titoli, oltre il doppio della media giornaliera. Un analista dice che si tratta di un piano molto buono.

Quanto al 2015, l'Ad Massimiliano Bianco ha detto di vedere "un ebitda fra 650-660 milioni e un utile netto fra 110 e 115 milioni".   Continua...