PUNTO 2-Egp, Ebitda 2017 visto in nuovo piano a circa 2,1 mld, valuta uscita da Portogallo

giovedì 7 maggio 2015 16:24
 

* Egp guarda a Latam, Cina India e Africa

* Conferma politica dividendo pay-out 30% utile netto ordinario

* A fine piano 7,1 gW di nuova capacità installata

* Possibili acquisti in mercati maturi se in linea con strategie (Aggiunge dichiarazioni AD su acquisizioni)

ROMA, 7 maggio (Reuters) - Enel green power ha presentato oggi i dati del primo trimestre 2015 e il piano industriale aggiornato al 2019 che prevede una crescita dell'Ebitda fino a 2,1 miliardi al 2017 e 9,6 miliardi di investimenti di cui 8,8 miliardi destinati all'aumento della capacità produttiva e al rafforzamento in America Latina.

Gli utili "crescreranno anno per anno mano a mano che si realizza l'aumento della capacità", ha detto l'AD Francesco Venturini, rispondendo alla domanda di un analista nel corso della presentazione dei nuovi conti e dell'aggiornamento delle strategie alla comunità finanziaria

La società per le rinnovabili del gruppo Enel ha anche annunciato che l'azienda sta valutando l'uscita dal Portogallo con la vendita degli asset in quel paese: 640 mW di impianti eolici suddivisi fra Eneop, un consorzio di cui Egp detiene il 40%, e Finerge, controllata di Egp.

Endesa "da quel che sappiamo, non è interessata", ha detto Venturini rispondendo a un altra domanda e aggiungendo, in conferenza stampa che "gli acquirenti più probabili saranno investitori finanziari".

L'uscita dal Portogallo non sarà un disimpegno dall'Europa: il management spiega che il gruppo potrà "prendere in considerazione anche opportunità di crescita non organica in mercati che mostrano segni di consolidamento, se in linea con la visione strategica per l'area". Acquisizioni di asset già in funzione potrebbero esserci "anche nelle Americhe e in Brasile, in particolare, dove ci sono opportunità interessanti".   Continua...