PUNTO 1-Geox, manca visibilità su 2015 per problemi con partner Cina

giovedì 5 marzo 2015 19:13
 

(Aggiunge dettagli da nota e conference call)

MILANO, 5 marzo (Reuters) - Geox chiude il 2014 con un risultato operativo in utile e ricavi in crescita del 9,3% e guarda al 2015 come un anno positivo in termini di crescita del fatturato e della redditività, ma non ritiene che ci sia al momento sufficiente visibilità sulla piena conferma dei target a causa di difficoltà con il partner in Cina.

Il gruppo ha la gestione diretta delle città di Shanghai e Pechino, dove le aperture dei punti vendita diretti sono in linea con il piano e le performance delle vendite comparabili sono positive. Tuttavia nel resto del Paese si sono registrate problematiche con il partner, "principalmente di carattere finanziario legate alle sue dimensioni, le ripetute violazioni contrattuali riscontrate, la parziale cancellazione degli ordini della collezione Autunno/inverno e, da ultimo, la richiesta di un drastico ridimensionamento del suo investimento nel piano di future aperture", si legge in una nota. Geox ha quindi deciso di azionare la clausola arbitrale prevista dal contratto per certificare gli inadempimenti e la conseguente revoca del contratto e dell'esclusiva per ridefinire l'intero rapporto "anche alla luce delle manifestazioni di interesse ricevute da altri gruppi cinesi ed internazionali relativamente allo sviluppo futuro di Geox in Cina".

L'arbitrato in corso con il partner attuale e l'attività di negoziazione con i nuovi partner non consentiranno a quest'area geografica di portare, nel 2015, il contributo atteso, sottolinea il comunicato.

Nella conference call sui risultati i vertici hanno precisato che per l'area Asia-Pacifico, che conta per circa il 7% sul fatturato annuo, nel 2015 non si attende crescita e che la ricerca di un nuovo partner dovrebbe concretizzarsi nel 2016.

Il management si attende che, nonostante la congiuntura macro internazionale difficile e le tensioni politiche in alcune regioni del mondo, il trend di solida crescita registrato nei mercati principali (quali Italia, Francia, Spagna, Germania e gli altri paesi europei) e i positivi sviluppi in altre aree geografiche permetteranno al gruppo di raggiungere anche nel 2015 un buon tasso di crescita del fatturato. E' inoltre attesa un'espansione della redditività operativa e ancor più dell'utile netto pur non essendoci al momento "sufficiente visibilità sulla piena conferma dei target presentati".

I ricavi consolidati del 2014 hanno registrato un incremento del 9,3% a 824,2 milioni di euro grazie, in particolare, a un secondo semestre positivo che ha evidenziato una forte ripresa sia del canale multimarca (in crescita del 15,9% con una completa inversione del trend registrato nel primo semestre), sia del canale franchising le cui vendite comparabili sono cresciute del 10,4% nello stesso periodo.

I negozi a gestione diretta hanno registrato nel 2014 un aumento del fatturato comparabile del 7,9%.

Il risultato operativo si attesta a 4,9 milioni da un rosso di 34,6 milioni del 2013.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia