Sogefi, utile netto 2014 cala a 3,6 mln, no dividendo

lunedì 23 febbraio 2015 18:54
 

MILANO, 23 febbraio (Reuters) - Sogefi archivia il 2014 con ricavi in lieve crescita, trainati da Nord America e Asia, ma margini penalizzati dalle ristrutturazioni e da alcune inefficienze industriali.

Il Cda della società, che fa capo al gruppo Cir, ha deciso di non proporre la distribuzione di un dividendo per contenere il debito (304,3 milioni al 31 dicembre 2014, in forte calo rispetto a fine settembre), in considerazione dei previsti esborsi di cassa nel 2015 a seguito delle azioni di efficienza dello scorso anno, si legge in una nota.

L'utile netto si attesta a 3,6 milioni, in calo dai 21,1 milioni del 2013.

Per quanto riguarda gli oneri di ristrutturazione per 21,1 milioni registrati nel 2014, 16,2 milioni sono pertinenti alla razionalizzazione della capacità produttiva mentre 4,9 milioni sono legati alla svalutazione di beni e a oneri diversi relativi alle ristrutturazioni.

L'ebit consolidato ammonta a 48,3 milioni (69,1 milioni nel 2013), il dato pre-ristrutturazioni è pari a 69,4 milioni (-21,4%).

I ricavi consolidati ammontano a 1.349,4 milioni (+1,1% a cambi correnti, +4,7% a parità di cambi). Il dato beneficia soprattutto del positivo andamento nei mercati extra-europei: in particolare la crescita in Nord America e Asia, con ricavi in aumento rispettivamente del 10,6% e del 39,5%, ha compensato il sensibile calo registrato in Sud America (-19,2%).

Nel 2015, in un mercato automobilistico globale stimato in crescita, Sogefi prevede di proseguire i trend positivi in Nord America, Cina e India. In Europa la società di componentistica per autoveicoli dovrebbe registrare un andamento con qualche miglioramento rispetto allo scorso anno, mentre nel mercato sudamericano è prevedibile per il secondo semestre un leggero recupero rispetto ai bassi volumi registrati nel 2014.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su   Continua...