November 14, 2013 / 5:33 PM / 4 years ago

PUNTO 3-Mps, perdita trim3 a 138 mln meglio di consensus, core Tier1 a 11,1

5 IN. DI LETTURA

(aggiunge risposta Viola su aumento)

ROMA, 14 novembre (Reuters) - Banca Mps ha chiuso il terzo trimestre del 2013 con una perdita netta di 138,3 milioni che porta il rosso dei primi nove mesi a 518,3 milioni. La perdita del trimestre è meno pesante del consensus di 11 analisti che, nella mediana delle stime, si attendevano una perdita di 155 milioni.

La perdita include interessi sui 4,07 miliardi di Monti bond per 77 milioni nel trimestre, che ammontano a 238 milioni nei primi 9 mesi.

"I dati del trimestre danno ulteriore confidenza sul fatto che la banca ha imboccato un percorso di riequilibrio della struttura patrimoniale finanziaria e per il recupero di una redditività sostenibile che costituiscono le linee guida del piano" di ristrutturazione inviato a Bruxelles nei giorni scorsi, ha spiegato l'Ad Fabrizio Viola illustrando i risultati agli analisti.

Effetto Positivo Da Taglio Bce

Nel corso della conference il Cfo Bernardo Mingrone ha sottolineato l'effetto positivo del taglio di un quarto di punto del tasso di riferimento della Bce, dicendo che questo ha un effetto positivo nel ridurre il costo del funding sull'Ltro, stimabile in circa 70 milioni di euro.

Viola sottolinea che "con il 30 settembre è stato raggiunto l'obiettivo di chiusura delle 400 filiali previste, con due anni di anticipo sul piano" e che per quanto riguarda la riduzione del personale, che il piano concordato con Bruxelles fissa a 8.000 unità al 2017, "una volta finalizzata l'operazione sul back office, il totale sarà vicino a 4 mila unità e saremo circa al 50% dell'obiettivo concordato con l'Unione europea".

Mps, secondo la nota diffusa dopo il cda, ha rettificato crediti nei primi nove mesi per circa 1,54 miliardi.

Nel terzo trimestre le rettifiche su crediti sono state pari a 511 milioni di euro in leggero calo rispetto al trimestre precedente quando erano state apportate rettifiche per 544,8 milioni di euro.

Un anno fa la perdita della terza banca italiana alla fine di settembre era stata di circa 1,6 miliardi.

Alla fine di settembre, dice una nota della banca senese, il Core Tier 1, inclusi i cosidetti Monti bond, è salito marginalmente all'11,1% dal 11% registrato a fine giugno.

Le attività ponderate per il rischio (Rwa) sono calate di 3,5 miliardi.

Il margine di interesse è salito del 4,1% sul secondo trimestre e si è attestato nei primi 9 mesi a 1,590 miliardi, grazie al contributo per circa 507 milioni di euro nel terzo trimestre.

La mediana del consensus di 11 analisti si aspettava una perdita di 155 milioni, con un margine di interesse di 490 milioni.

La riduzione dei costi è proseguita nel terzo trimestre, con un calo dell'1,1%, portando il taglio nei primi 9 mesi al -11,4% rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

Tre Finestre Su Aumento, Meglio Prima Che Poi

Mps aspetta il via libera di Bruxelles per un piano di ristrutturazione con cui mira a restituIre entro il 2014 fino a 3 miliardi dei 4,07 ricevuti dal Tesoro come prestito oneroso, attraverso la sottoscrizione dei cosiddetti Monti bond.

Il piano prevede un aumento di capitale, finora annunciato per 2,5 miliardi, che potrebbe salire fino a 3 miliardi, secondo indiscrezioni di stampa non smentite.

Viola non ha potuto dare dettagli su modalità e tempi dell'aumento ma si è limitato ad osservare che la banca "ha un impegno che verrà confermato dal processo in cui siamo impegnati" per fare entro il 2014 "un aumento da 2,5 miliardi e di rimborsare 3 miliardi di nuovi strumenti finanziari (Nsf, cioè i Monti bond)".

Viola, ricordando il regolamento dell'emissione ha detto che "nella misura in cui questo non dovesse avvenire, è prevista la conversione dei Nsf".

Quanto al timing, "chiaramente chi ha consuetudine e conoscenza dei meccanismo dei mercati finanziari può condividere il fatto che in questo scenario esistono tre finestre teoriche per lanciare l'aumento", ha detto Viola, elencando la prima "all'inizio dell'anno" con l'utilizzo dei dati del terzo trimestre "poi a giugno con i dati di bilancio e la terza "che direi più teorica" con i dati al 30 settembre.

Viola ha chiarito che, questa ultima opzione è teorica "perchè con termine fissato entro il 2014 per l'aumento più passa tempo è più difficile".

Svalutata Bankitalia

Infine Mps ha svalutato il valore della sua partecipazione al capitale della banca d'Italia, adeguandolo, ha spiegato Viola, alla stima di 7,5 miliardi indicata dall'autorità.

A fine settembre, il patrimonio netto è a 6,5 mld di euro, si legge nella nota, e sulle riserve da valutazione (+18 mln di euro) "incide la svalutazione della partecipazione in Banca d'Italia con effetto netto a patrimonio pari a 228 mln di euro più che compensato dal miglioramento delle altre riserve - soprattutto per effetto del restringimento dello spread sul merito creditizio della Repubblica Italiana - per circa 246 mln di euro".

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below