PUNTO 2-Chrysler verso Ipo in 2013, ma Fiat vuole 100% - Marchionne

mercoledì 30 ottobre 2013 19:04
 

(Aggiunge contesto)

MILANO, 30 ottobre (Reuters) - Fiat dice che sulla trattativa con Veba per l'acquisto della partecipazione in Chrysler "i buoi sono scappati" e si intende procedere con l'Ipo, Che si potrà realizzare nel 2013, ma ribadisce che intende salire al 100% di Chrysler.

Indicazioni contrastanti che potrebbero però portare a un esito non contradditorio, peraltro già anticipato da Marchionne nelle scorse settimane, cioè proseguire con il processo dell'Ipo per arrivare poco prima dell'avvio del collocamento a un accordo per il passaggio delle partecipazioni.

A inizio ottobre Marchionne ha detto che nel processo per l'Ipo di Chrysler emergeranno elementi riconosciuti anche da Veba sulla valutazione di Chrysler.

Una fonte di settore supporta questa interpretazione affermando che un processo del genere "è fattibile, perché consentirebbe a Fiat e al sindacato Usa, Uaw, di mantenere gli ottimi rapporti che hanno e darebbe ai consulenti del fondo Veba solidi elementi sulla valutazione della società".

Secondo Breakingviews, Veba ha bisogno di una super valutazione di Chrysler a 18 miliardi di dollari per giustificare l'Ipo. Potrebbe prendere più di quanto offre Fiat, ma solo se i margini raddoppiano entro il 2015 e se gli investitori rinunciano alla sconto che spetterebbe all'azionista di minoranza.

"Stiamo andando avanti con l'Ipo, non c'è nulla che prosegue in parallelo, i buoi sono scappati", ha detto l'AD Sergio Marchionne rispondendo a una domanda sulle trattative con Veba per l'acquisto del 41,5% in Chrysler.

L'operazione porterebbe Fiat al 100% della controllata Usa e aprirebbe la porta alla fusione.

Rispondendo a una domanda su eventuali cessioni in vista di un possibile aumento della partecipazione di Fiat in Chrysler, Marchionne ha risposto: "Non abbiamo un piano cessioni".   Continua...